Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.149.855
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 10 giugno 2020 alle 14:15

Avis Costa lancia un messaggio per la giornata del donatore

Il 14 giugno sarà la giornata mondiale del donatore. Una ricorrenza importante per chi, come l'associazione Avis, ne ha fatto il proprio tratto distintivo. La sezione di Costa Masnaga dei donatori di sangue ogni anno celebra questa ricorrenza con una manifestazione, Rock'n Blood, che, soprattutto negli ultimi anni, è stata indirizzata in special modo ai giovani.

Una risorsa preziosa a cui il sodalizio guarda sempre con interesse per introdurre idee fresche nel gruppo, rivitalizzandolo. Proprio nel periodo estivo, Avis Costa è una presenza costante all'interno di alcune manifestazioni particolarmente in voga tra i ragazzi che si svolgono sul territorio: Avis c'è, sempre pronta a sensibilizzare sul tema della donazione. Quest'anno, però, la diffusione del Coronavirus impedisce di proporre questi eventi che perderebbero il loro spirito di condivisione e divertimento in compagnia. Se la presenza fisica, con tanto di gazebo e volontari, non ci sarà, Avis Costa Masnaga tiene comunque a far sentire la propria vicinanza ai donatori ma anche trasmettendo un pensiero a tutti coloro che stanno magari pensando di fare il passo e iscriversi all'associazione. Un semplice messaggio, anche per ricordare la giornata del donatore, che nel 2020 acquisisce maggiore importanza. Di seguito la lettera:
Tutto era pronto. Le magliette, il nuovo materiale divulgativo, gazebo e striscione… ma soprattutto gli amici di VAJ alla festa dei Beerbanti e tanto tanto entusiasmo! Insomma, i preparativi procedevano al meglio per una nuova edizione di Rock’n Blood… e invece il coronavirus si è messo di mezzo.

Niente chiacchierate e balli gomito a gomito, niente abbracci, baci e strette di mano con gli amici… le misure di sicurezza non ci lasciano scelta: quest’anno la festa non si fa… almeno per ora.

Ma noi di Avis non ci arrendiamo facilmente: anche in un contesto difficile come quello attuale, la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue non può passare sotto silenzio. Anzi! Proprio il brutto periodo che abbiamo vissuto, e che stiamo ancora vivendo, ha ricordato a tutti noi quanto la salute sia fondamentale. Ecco perché pensiamo che il 14 giugno, che per noi è sempre stata una data importante, quest’anno lo sia ancora di più, e per tutti.

È una buona occasione per rammentare a tutti, e forse anche a noi stessi, che le fondamenta di questa ricorrenza poggiano sul lavoro di un grande scienziato che, tra tante ricerche, nella sua vita ha anche lottato contro un pericoloso virus… non vi ricorda qualcosa? La Giornata Mondiale del Donatore, istituita nel 2004 dall’OMS, celebra infatti il dottor Karl Landsteiner, scopritore nel 1900 dei gruppi sanguigni A-B-Zero e del fattore Rh nel 1940. Landsteiner è stato insignito del premio Nobel per la medicina nel 1930 e nel 1908 fu il primo a isolare il virus della poliomielite.

Quest’anno siamo costretti, nostro malgrado, ad accantonare la parte più “leggera” e “festaiola” di questa ricorrenza… pazienza. Ci consoliamo, almeno in parte, con l’orgoglio di essere un po' “figli” di una persona di tale calibro.

Non possiamo, però, nascondervi che ci manca il contatto con le persone: anche questo fa parte del Dna di Avis, tanto quanto la tutela della salute. E allora, abbiamo pensato a un modo diverso di esserci, per esempio con questo messaggio online: “distanti ma vicini”, come lo slogan di questi mesi.

E lasciatecelo dire, siamo orgogliosi di voi! I messaggi a livello nazionale hanno provocato un terremoto di generosità e in breve tempo molte persone hanno deciso di iscriversi e donare: ogni crisi è contemporaneamente un problema e una opportunità. Siamo contenti che dal male della crisi sanitaria sia uscito il meglio delle persone e speriamo che non finisca qui. Noi ci siamo, per informare e accogliere: c’è bisogno di ogni goccia per fare il mare! La foto che vedete qui rappresenta bene il gesto di ogni donatore: “Il dono è la non indifferenza”.                

E se la festa stavolta è rimandata, ci organizzeremo ancora meglio per una prossima edizione. Promesso!

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco