Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.881.849
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 10 giugno 2020 alle 18:39

Retesalute: lo scenario possibile è di un’azienda speciale 2.0 con Merate capofila come ai tempi della battaglia sull’acqua


Mentre scriviamo queste note i sindaci del meratese sono riuniti a Palazzo Tettamanti sotto la presidenza di Daniele Villa, primo cittadino di Robbiate per affrontare l'argomento del giorno: il presente e il futuro di Retesalute.
Molto già si sa: per esempio la segnalazione alla Corte dei Conti sezione Controllo e alla Procura regionale della medesima Corte contiene molti elementi che indicano quanto meno una manipolazione dei bilanci da far tremare i polsi. Ma si attende con ansia la relazione del professor Ciro D'Aries, super esperto di problematiche della Funzione Pubblica che, secondo le anticipazioni del sindaco di Merate Massimo Panzeri, dovrebbe arrivare quanto prima, oltre che ai soci dell'Azienda speciale, anche alla Procura della repubblica di Lecco.
La segnalazione alla Corte dei Conti sembra più finalizzata all'analisi del coinvolgimento dei partecipanti a Retesalute, cioè ai Comuni e non alla partecipata verso cui la Corte stessa non dovrebbe avere giurisdizione.
Certo è propedeutica all'apertura ufficiale dei procedimento che porterà quasi sicuramente alla messa in liquidazione dell'Asp e alla nomina di un Commissario. Quanto ai debiti i Comuni soci dovranno farsene carico ma soltanto dopo che una società di revisione avrà certificato i bilanci dal 2015 al 2019 accertando senza ombra di dubbio l'ammontare reale della perdita.
Fine dell'esperienza di un'azienda speciale cui affidare i servizi alla persona? Crediamo proprio di no. Robbiani, Casaletto e Panzeri stesso sono stati categorici: il miglior veicolo per gestire i servizi sociali è proprio l'azienda speciale pubblica. Una posizione ferma, netta, che ricorda tanto da vicino quella che assunse Andrea Robbiani sindaco, nel durissimo confronto con i lecchesi sull'acqua pubblica. Posizione poi mantenuta con altrettanta fermezza da Andrea Massironi e dai suoi assessori. Ancora una volta Merate contro tutti? No, questa volta Merate non avrà solo un pugno di alleati, è probabile che nella costituzione di una Retesalute 2.0 ci saranno anche Monticello, Cassago, Brivio, Olgiate, Airuno, forse Santa Maria e dell'area dell'oggionese Ello, Nibionno e Sirone. E gli altri? Probabilmente quelli più vicini al PD punteranno a conferire i propri servizi una volta liquidata Retesalute 1 all'Impresa sociale di Lecco. Quelli meno allineati avranno la possibilità di scelta.
Uno scenario di fantapolitica? Può essere. Ma in questa fase sembra lo scenario più probabile.
Anche se l'auspicio è che tutto il meratese-casatese e parte dell'oggionese resti unito in un'unica azienda pubblica.
Che però, come ha tuonato Robbiani, deve essere governata dai manager, pagati - come ha sottolineato Procopio - non dalla politica. Di sinistra e di destra.
C.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco