Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 231.300.491
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 26 giugno 2020 alle 08:15

Casatenovo: ''va garantita la fruibilità dei servizi''. Mozione dal M5S su Retesalute

Christian Perego dei Cinque Stelle
Anche il Movimento Cinque Stelle di Casatenovo - rappresentato in consiglio comunale da Christian Perego - ha steso e protocollato una mozione su un tema di estrema attualità nel territorio meratese-casatese-oggionese, con ripercussioni sull'intera popolazione: la crisi finanziaria di Retesalute.
Il documento sarà discusso nella seduta di consiglio comunale in programma martedì 30 giugno, unitamente a quello protocollato dai colleghi dell'altro gruppo di opposizione Più Casatenovo.
L'obiettivo è quello di invitare l'amministrazione Galbiati ''a tenere un comportamento prudente e preventivo sulla questione dell'azienda speciale Retesalute, salita alla ribalta delle cronache circa due mesi fa, quando ha pubblicamente segnalato di avere circa 4 milioni di euro di perdita non rilevata nei bilanci depositati negli ultimi 5 anni''.
A questo proposito i punti per i quali Perego chiede un impegno formale alla maggioranza sono principalmente due. Prudente: attendere di capire l'origine delle perdite segnalate prima di accettare qualsiasi misura economico/finanziaria correttiva. Preventivo: preparare un'analisi dei costi che dovrebbe sostenere il comune per avere un "piano B" nel caso in cui Retesalute non possa più erogare i servizi ai cittadini.
''Ritengo che siano due punti imprescindibili per garantire la tutela della legalità e la fruibilità dei servizi'' ha concluso Perego.



Di seguito il testo della mozione integrale presentata dai Cinque Stelle:
Ill.mi
Sindaco Comune di Casatenovo
Dott. Filippo Galbiati
Segretario Comunale
Dott. Giuseppe Mendicino
e p.c.
Capigruppo Consiliari


OGGETTO: Mozione di impegno dell’amministrazione sulla vicenda
economica e finanziaria dell’azienda speciale Retesalute.


Il sottoscritto Consigliere Comunale,

PREMESSO CHE

- Retesalute e l'azienda appaltante dei servizi alla persona del comune di
Casatenovo.
- Retesalute e una azienda speciale e questa forma giuridica garantisce nei fatti ai comuni partecipanti la possibilita di avere un controllo analogo capillare e
preciso.
- Retesalute dopo aver depositato negli anni scorsi bilanci positivi dal 2015 al 2018, ha recentemente presentato pubblicamente, da parte della nuova direzione amministrativa una perdita di circa 3,4 milioni di euro per gli anni dal 2015 al 2018 e che per il bilancio 2019 ha messo in previsione una ulteriore perdita che portera l’indebitamento complessivo a circa 4 milioni di euro.

CONSIDERATO CHE

- Sia la societa Retesalute che l’amministrazione comunale di Casatenovo hanno manifestato l’intenzione di chiedere un parere alla corte dei conti e hanno
richiesto pareri e valutazioni a professionisti competenti.
- Le valutazioni economiche dei consulenti sia dell’azienda che del Comune, di cui sono a conoscenza fino alla data odierna, non sono in grado di stabilire la natura della perdita.
- In base all’art. 46 dello Statuto dell’Azienda speciale Retesalute spetta al nuovo responsabile amministrativo con la supervisione del revisore l’onere di capire l’origine di tale perdita e l’incidenza delle irregolarita contabili presunte.
- Se verranno confermati 4 dei 5 esercizi consecutivi con bilancio in perdita la
societa dovra essere messa in liquidazione per legge (art. 1 comma 555
Legge 147/2013) e non potra quindi piu operare e fornire i servizi di cui la
cittadinanza necessita.

VISTO CHE

- La giurisprudenza riporta casi in cui i consiglieri comunali, il segretario ed il
Sindaco rispondono personalmente se quello che viene approvato in consiglio non e conforme alle leggi e se dovesse procurare un danno erariale all’ente. Ne e esempio la sentenza della Corte dei conti n. 409/2017.
- Il Sindaco, il Segretario e tutta l’amministrazione fino ad oggi hanno seguito una linea di corretta prudenza ed un corretto iter volto a fare luce sull’accaduto.
- L’amministrazione precedente, guidata dallo stesso Sindaco non ha approvato una mozione protocollata il 07/01/2019 e presentata dal gruppo consigliare
“Movimento 5 Stelle” al consiglio comunale del 14/01/2019 avente come oggetto
“Mozione di richiesta di valutazione dei costi sostenuti per la gestione dei servizi
alla persona”, nella quale ho personalmente chiesto un impegno per la
maggioranza di allora (sempre Galbiati come sindaco) ad una analisi dei costi e di creare una tabella comparativa tra i costi sostenuti ed quelli che avremmo in una ipotetica gestione interna.

SI IMPEGNANO il Sindaco e la Giunta Comunale

A seguire scrupolosamente le seguenti linee guida:

1. Fino alla completa comprensione della natura delle presunte perdite segnalate dall’azienda Retesalute a non accettare alcun aumento di costi ne diretto ne indiretto e a non effettuare nessun tipo di trasferimento (sia esso monetario o di risorse di qualsiasi natura) volto a migliorare anche solo momentaneamente la situazione economico/finanziaria dell’ente partecipato.

2. Di non ripianare nessuna perdita dell’ente fino al termine dell’indagine effettuata dal responsabile amministrativo e supervisionata dal revisore dei conti.

3. Ad effettuare entro 90 giorni una analisi preliminare di gestione interna dei
servizi sociali nell’ipotesi in cui Retesalute non possa piu essere utilizzata come
fornitore. Tale analisi dovrebbe focalizzarsi sui seguenti punti:
◦ Verifica dei costi per avere gli stessi servizi forniti oggi dall’ente esterno.
◦ Verifica dell’impatto gestionale sull’organizzazione amministrativa interna.
◦ Verifica delle ripercussioni positive o negative sui cittadini.

4. Ipotizzare nell’analisi una collaborazione diretta tra i comuni, senza intermediari, con lo scopo di massimizzare l’economia di scala.

5. Di non valutare e non effettuare nessuna azione volta all’apertura di una nuova Azienda Speciale senza aver prima concluso l’analisi del punto 3.

6. Tutelare nelle sedi opportune il Comune con eventuali richieste di risarcimento nel caso fossero accertati profili di erronea contabilizzazione e mancanza di chiarezza nella tenuta dei registri e delle scritture contabili.

Si richiede l'iscrizione della presente mozione all'ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale.

Cordialmente.

Christian Perego
Capogruppo Consiliare
Movimento 5 Stelle
Comune di Casatenovo

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco