Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 231.299.121
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 30 giugno 2020 alle 10:30

Monticello: la comunità riunita al cimitero nella messa in ricordo delle vittime del Covid

Una messa dedicata alle vittime del Coronavirus quella che si è celebrata lunedì 29 giugno alle ore 20.30 presso il cimitero di Monticello.

Alla celebrazione ha preso parte l'intera comunità monticellese, accompagnata dai rappresentanti dei gruppi Alpini di Monticello e Torrevilla, dai volontari dell'AMAS, dall'associazione nazionale carabinieri, dai bersaglieri e dai rappresentanti dell'Avis Besana. Non mancavano naturalmente le autorità: il sindaco Alessandra Hofmann, i comandanti della polizia locale e della stazione dei carabinieri di Casatenovo - Cristina Corti e il maresciallo Christian Cucciniello - e la presidente della casa di riposo di Monticello, Laura Scaccabarozzi.

La celebrazione, presieduta dal parroco don Marco Crippa, aveva lo scopo di ricordare e commemorare tutte le vittime del Covid, che hanno perso la vita senza che i propri cari potessero rivolgere loro un ultimo saluto.
Particolarmente sentita è stata l'omelia pronunciata dal sacerdote, il quale ha espresso un pensiero profondo rivolto a tutti coloro che se ne sono andati.

''Quando le campane suonano l'agonia con i loro rintocchi malinconici e inconfondibili spesso viene da chiederci chi sia morto, e in quella domanda risiede la curiosità di sapere, ma allo stesso tempo anche la consapevolezza - e il suono delle campane lo racconta bene - che la morte non è un fatto privato, non riguarda solo chi va e i pochi parenti, ma riguarda l'intera comunità. Quel suono, con il suo ripetersi cadenzato e lento e solenne dell'agonia che si diffonde per il paese, invita alla preghiera, ci annuncia che qualcuno è andato, annuncia un evento misterioso che richiede solennità e rispetto, ma allo stesso tempo riguarda anche il mistero stesso della vita. Quel suono ci dice anche che qualcuno è rimasto, e che quel qualcuno ha bisogno di essere accompagnato, ha bisogno di qualcuno che gli si stia accanto per rendere un po' meno insopportabile il distacco, per alleggerire il dolore, per condividere e forse ancora prima per vivere il lutto" ha detto il sacerdote.

"Solo insieme possiamo affrontare ciò che agli occhi degli uomini è solo una perdita. Elaborare un lutto significa anche condividerlo, ed è quello che non abbiamo potuto fare. Noi non abbiamo potuto fare il funerale, la messa, l'eucarestia... ma molte altre cose ci sono state negate, come la possibilità di essere accanto a chi è andato, di rivolgere un'ultima parola e tenere una mano a chi andava e soprattutto la possibilità di rimanere accanto al corpo di chi, a distanza di poco, non avremmo più visto".

"Mi auguro che ci sia tempo di condividere tutto il resto che ci è mancato, e di farlo nella luce del Signore Risorto, perchè se non ci fosse lui ad accompagnarci qui, entrare in questo luogo, sarebbe come entrare nel vuoto, e invece i nostri defunti sono stati creati da Dio per tornare a lui. Proprio per questo noi siamo qui, per lasciare che il Signore porti la consolazione nel nostro cuore ricordandoci di chi in quei giorni abbiamo salutato. L'amore arriva fino alla morte ma è più forte, chiediamo a Dio quindi di custodire nel cuore di chi ama coloro che non sono più qui con noi" ha aggiunto il sacerdote.

Don Marco ha poi ringraziato tutti i presenti, le autorità e le associazioni del territorio: ''oggi noi siamo qui per dire come comunità che ogni morte, ogni lutto ci riguarda, perchè tutti coloro che sono andati hanno contribuito alla costruzione della nostra comunità, e noi dobbiamo a loro un grazie".
Il sacerdote ha preferito non pronunciare i nomi delle vittime del virus, ma ha chiesto ad ognuno dei presenti di crearsi un proprio elenco nel cuore, che risultasse più grato e sincero.

Alla fine della celebrazione è poi stata letta "la Preghiera dell'Alpino" seguita da un minuto di silenzio nel ricordo delle vittime.
"È stata una messa particolarmente sentita, io e don Marco per tre mesi siamo stati coloro che hanno dovuto rappresentare sempre la comunità, ma vedere come quest'ultima, composta non solo dai parenti delle vittime ma anche da tutti gli altri cittadini, si è stretta questa sera per ricordare le vittime, è stato davvero toccante, e questo mi ha fatto davvero tanto piacere" ha dichiarato il sindaco Alessandra Hofmann.
Marina Temperato
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco