Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 234.688.586
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 04 luglio 2020 alle 09:06

Bosisio: dal comune uno sconto sulla Tari ai professionisti chiusi a causa del Covid

Il vicesindaco Andrea Galli
Uno sconto sulla tassa dei rifiuti (Tari) modulato in base al tempo di chiusura dell'attività a causa del Coronavirus. E' quanto deciso dall'amministrazione comunale di Bosisio Parini che, oltre ai servizi proposti alla cittadinanza in piena emergenza, ha valutato un aiuto in più per tutta una serie di professionisti autonomi che nei mesi scorsi hanno drasticamente limitato le loro attività. Un tasso di sconto che può raggiungere il 25% del tributo dovuto in caso di una chiusura che si è protratta per tre mesi. "Volevamo dare un supporto alle attività che abbiamo sul territorio: negozi, studi di professionisti, commercianti e attività industriale. Abbiamo deciso di operare sulla Tari sia perchè viene pagata da chi esercita l'attività, sia perché è correlata direttamente a servizio offerto e con la chiusura dell'attività non sono stati prodotti rifiuti" ha spiegato il vicesindaco Andrea Galli. La Tari, per la struttura dell'aliquota, la modalità di pagamento e la correlazione con il servizio offerto, è stata individuata dagli amministratori come la migliore imposta sulla quale fornire un'agevolazione per andare incontro ai cittadini. "Lo sconto che abbiamo deciso di applicare è importante, perché compensa integralmente il costo del servizio rifiuti per i mesi di effettiva chiusura dell'attività, in cui, quindi, non si è usufruito del servizio. Crediamo che questo sia un gesto di grande responsabilità che siamo felici di offrire ai nostri commercianti e ai nostri imprenditori colpiti dalla crisi".
L'amministrazione ha inoltre deciso di posticipare le scadenze delle due rate della tassa rifiuti al 30 novembre 2020 e 31 gennaio 2021. "Abbiamo lavorato molto per poter concedere questo beneficio, così come gli altri interventi finanziari offerti, quali lo spostamento della scadenza IMU, a chi opera sul nostro territorio, offrendo un pacchetto di agevolazioni fiscali che è uno dei più consistenti tra quelli dei Comuni del circondario" ha aggiunto Galli. "Riteniamo che questa scelta, di cui ci assumiamo la completa paternità, sia quella che meglio risponda alle necessità delle realtà che hanno subito danni derivanti dalla pandemia e siamo orgogliosi di averla approvata in consiglio con anche il sostegno di una minoranza (Bosisio nel cuore, ndr)".
Questo il pacchetto di sconti, valido sia per la quota fissa che per quella variabile del tributo: l'8% in caso di sospensione dell'attività fino a un mese; il 16% se la chiusura è stata per due mesi e, infine, il 25% per chi non ha avuto la possibilità di proseguire l'attività per tre mesi. Tali agevolazioni, che non sono cumulabili, potranno essere concesse previa presentazione di apposita domanda in forma di autocertificazione, indicante l'attività d'impresa, il codice ATECO e il periodo di sospensione dell'attività, che dovrà pervenire al protocollo del comune al più tardi entro il 15 settembre. Sarà possibile presentare la domanda sia tramite PEC che tramite posta elettronica oppure consegnando una copia cartacea dei documenti all'ufficio tributi, previo appuntamento.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco