Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 234.688.334
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 08 luglio 2020 alle 17:45

Bevera: lesioni stradali, per il ciclista chiesta l'assoluzione

La pubblica accusa, oggi rappresentata in Aula dal VPO Pietro Bassi, ha chiesto l'assoluzione. Come pure, ovviamente il difensore. Si è battuto invece per la condanna dell'imputato l'avvocato di parte civile.

La pronuncia del giudice Nora Lisa Passoni è attesa per il 22. Si chiuderà in quella data il processo intentato nei confronti di Simone P., il corridore della società Namedsport-Rocket, che nell'aprile del 2018 a Bevera di Castello travolse, con la sua due ruote, durante un allenamento di gruppo con alcuni compagni di squadra, un anziano. Lesioni stradali l'accusa formulata in capo allo sfortunato atleta, resosi suo malgrado protagonista di un incidente curioso. L'uomo investito, un 75enne calolziese, infatti, stava attraversando la provinciale 51 per raggiungere il nipote a sua volta coinvolto poco prima... in un altro sinistro automobilistico. Nella caduta l'uomo, come raccontato in Aula, avrebbe rimediato una profonda ferita al volto, con le sue condizioni poi peggiorate in ospedale. Ma poteva Simone P. evitare l'impatto? E' questo il nodo su cui si è focalizzata l'istruttoria. Secondo il viceprocuratore onorario no, tanto da chiedere di mandare assolto il ciclista. La sentenza tra due settimane.
Articoli correlati:
18.12.2019 - Castello B.za: ciclista investì un anziano a piedi sulla SP51. A giudizio per lesioni stradali
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco