Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 238.404.448
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 22 luglio 2020 alle 08:19

Annone: variazione di bilancio con tante spese. Minoranza critica sul centro estivo

Corposo assestamento di bilancio, quello portato all’attenzione del consiglio dall’amministrazione di Annone Brianza. La seduta di lunedì 20 luglio si è tenuta a porte chiuse, trasmessa in diretta tramite la pagina social del comune.
Questo documento, però, non ha pienamente convinto il gruppo di minoranza: il voto di astensione da parte di Annone nel cuore è dovuto al lungo elenco di modifiche alle spese, che però non hanno sempre tenuto conto del periodo contingente, legato al Coronavirus.
Procediamo con ordine e vediamo nel dettaglio le principali modifiche apportate al bilancio, che non sono definitive ma una previsione di quanto accadrà quest’anno.
Tra le minori entrate, per complessivi 132.000 euro, balzano all’occhio le imposte, con una riduzione di ciascuna tassa di un valore compreso tra i 20.000 e i 30.000 euro: per l’Imu la previsione di entrata è di 570.000 euro, per l’Irpef di 157.000 euro e per la Tari di 205.000 euro. Scendono di 2.000 euro le entrate per la segreteria e l’ufficio tecnico, così come si perdono 2.000 euro sul capitolo sanzioni per violazioni del codice della strada (si assestano intorno ai 6.000 euro). Causa Covid, si riducono anche il capitolo legato al trasporto sociale, che si ferma a 2.700 euro e i permessi di costruzione che, perdendo 50.000 euro, ammontano a circa 150.000 euro.



Al centro, con il microfono, Patrizio Sidoti. Prima a sinistra Federica Bartesaghi

Tra le maggiori entrate, per totali 105.900 euro, figurano 70.000 euro di fondi statali, 3.500 euro di contributo regionali, 10.200 euro provenienti da Girasole per l’organizzazione dell’oratorio estivo e 2.000 euro per gli investimenti.
Nel capitolo delle minori spese, si assiste a una riduzione di 5.500 euro per la polizia locale: “Avremmo dovuto assumere un vigile urbano ma è slittato. Un concorso lo avevamo già fatto ma era andato deserto” ha riferito il sindaco Patrizio Sidoti. Si riducono anche le quote di ammortamento dei mutui, a seguito della rinegoziazione dei debiti per villa Cabella e la realizzazione della mensa alla primaria. Altra riduzione di 10.000 euro è legata alla realizzazione di una finestra sulla scala del comune “per areare bene i locali” e un’altra per l’acquisto dei libri della biblioteca. La somma complessiva era originariamente di 338.000 euro: a seguito delle minori spese per 243.000 euro, restano a bilancio 95.000 euro.
Veniamo ora al capitolo, ben più sostanzioso delle maggiori spese (986.000 euro) che comprendono aumenti di circa 7.000 euro per le quote di partecipazione alla segreteria, il supporto all’ufficio ragioneria e l’indennità del sindaco, oltre alla quota destinata agli incarichi professionali per la necessità di predisporre uno studio per installare le telecamere. Ci sono poi le spese di sanificazione della scuola, l’acquisto di materiale e generi sanitari, i beni di consumo degli uffici e le spese del personale. Aumenta di 2.000 euro, arrivando a 6.500 euro, la disponibilità per le borse di studio a seguito dell’elevato numero di domande ricevute. Salgono anche i costi della manutenzione: 3.000 euro in più per il centro sportivo, 1.500 euro per gli uffici e 2.000 euro per villa Cabella, per la quale sono anche previsti 30.000 euro per la sostituzione dei canali e 40.000 euro per la sistemazione del portico. 10.200 euro è la quota destinata all’organizzazione del centro estivo, 23.000 euro all’abbattimento delle barriere architettoniche e 65.000 euro (previsto un aumento di 5.000 euro) per la sistemazione del nuovo deposito comunale.


32.000 euro verranno invece destinati all’impianto di video sorveglianza, mentre in merito agli edifici scolastici ci sono diverse spese a programma: 10.000 euro per il rifacimenti dei bagni alla scuola d’infanzia e quasi 30.000 euro per le verifiche statiche alla scuola primaria. Si prevede poi di avere un efficientamento del centro sportivo con l’installazione di un impianto di luci a Led, mentre serviranno altri 5.000 euro per la sistemazione della strada in via san Cristoforo (opera di complessivi 40.000 euro). 16.000 euro saranno destinati all’acquisto di attrezzature per i parchi, 1.500 euro per un nuovo computer in biblioteca e 8.000 euro in più per il settore sociale.
“Abbiamo messo tantissima carne al fuoco e ci sono diverse opere che erano anche nel nostro piano elettorale. Avremmo però potuto ridurre la lista e spendere di più su alcuni capitoli, in considerazione del periodo Covid, per esempio per quanto riguarda il centro estivo con maggiore attenzione alla fascia degli adolescenti e l’ambito scolastico” ha commentato la capogruppo di minoranza Federica Bartesaghi.
Le ha replicato il vice sindaco Giancarla Pellegatta: “L’idea era di fare numeri maggiori rispetto a quanto effettivamente destinato, ma la popolazione non ha risposto alla nostra proposta. Avevamo pensato di fare, in base alle richieste, 5 gruppi da 7 bambini dalla prima elementare alla prima media e un gruppo delle medie con 10 bambini. Abbiamo raccolto alla fine due gruppi. Eravamo disposti a mettere più soldi, ma non c’è stata risposta dalla popolazione. Una situazione generale tanto che altri comuni, come Costa Masnaga, non sono riusciti ad attivarli. Per i ragazzi più grandi, non abbiamo organizzato Living Land perchè mancavano i volontari che dovevano avere meno di 60 anni”.
In suo sostegno è intervenuta Laura Bartesaghi: “È stata un’impresa organizzare il centro che era volto a rispondere all’esigenza delle famiglie. Sulla fascia adolescenziale secondo me non era fattibile”. Secondo la consigliera Alessia Sala, c’era anche in programma di attivare una proposta per la fascia pre-scolare.
Come accennavamo sopra, l’assestamento generale del bilancio è passato con l’astensione del gruppo di opposizione.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco