Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 234.519.435
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 01 agosto 2020 alle 09:13

Missaglia: gli artisti di Spazio Bizzarro per la festa di chiusura del centro estivo

Allegria giovedì sera in oratorio a Missaglia, in occasione della festa per la chiusura del centro estivo organizzato dal Comune in collaborazione con la Parrocchia.
Ad attendere i più piccoli uno spettacolo all'insegna della comicità e di grandi abilità tecnico-circensi organizzato appositamente per loro da Spazio Bizzarro, con acrobati e giocolieri per incantare e divertire il pubblico.

Un momento dello spettacolo con gli artisti di Spazio Bizzarro

''Siamo molto emozionati perchè dopo tanto tempo siamo tornati a fare spettacoli. E' bello sia per noi riprendere il contatto con il pubblico, e allo stesso tempo, bello per gli spettatori partecipare ad un evento che coinvolga la comunità'' ha raccontato Nicola Bruni direttore di Spazio Bizzarro, con sede presso Parco Vivo di Casatenovo.

Lo spettacolo si è svolto nel rispetto delle misure anti Covid19. Tutti i partecipanti si sono presentati muniti di mascherina e per garantire il corretto rispetto delle regole sono intervenuti anche i volontari di Protezione Civile. La partecipazione era limitata ad un massimo di 120 persone, e gli iscritti hanno raggiunto un totale di 104, di cui 54 bambini e una cinquantina di genitori, si è deciso di privilegiare i ragazzi che hanno frequentato il centro estivo, lasciando aperta la possibilità di partecipare anche ai residenti.

L'assessore alla cultura Donatella Diacci

"Volevamo dare una conclusione al bellissimo percorso fatto insieme organizzando un momento finale. Gli anni scorsi le feste erano più dinamiche, coinvolgevano più persone, quest'anno abbiamo preferito puntare non sulla quantità di persone presenti, quanto sulla qualità dell'evento e dello spettacolo, che pensiamo possa piacere ai ragazzi, in quanto fa leva su emozioni tutte positive. Simbolicamente, questo è anche un modo per chiudere l'anno scolastico e gli anni sportivi, sempre cercando di rimanere uniti" ha raccontato l'assessore alla cultura Donatella Diacci.
Il Centro estivo ha visto la partecipazione di 120 bambini divisi in gruppi, di cui nove collocati a Missaglia e sei a Maresso.

I volontari di Protezione civile intervenuti alla serata

"Sono state sei settimane molto intense che però ci hanno portato molta gratificazione. Questa avventura è iniziata a giugno perchè, nonostante il clima di paura, era necessario non dimenticarsi dei bambini. La cosa positiva in tutto ciò è che le comunità si sono riscoperte, consolidate, aperte hanno stabilito legami. Noi come Comune abbiamo messo insieme tutto ciò che poteva essere legato creando una fitta rete di contatti, in primis l'Oratorio con la disponibilità dello spazio per la scuola secondaria. Infatti durante l'estate sono stati 25 i momenti di attività sportive trascorsi nel campo sportivo parrocchiale. Il centro estivo è partito dalla volontà del Comune, delle Associazioni, dell'Oratorio e dell'Istituto Comprensivo: a loro si sono aggiunti ReteSalute e la Cooperativa Paso con Massimiliano'' ha detto Laura Pozzi, assessore ai servizi sociali.

L'assessore a istruzione e servizi sociali, Laura Pozzi

''L'organizzazione della giornata era scandita in base alla disponibilità degli spazi. Abbiamo avuto dieci educatori più una Dote Comune e una ex Dote Comune, la quale ha dato un sostegno concreto in termini di disabilità. La scuola ha partecipato con dieci insegnanti che hanno svolto 67 ore di didattica creativa e collaboratori che si sono occupati del triage alla primaria e dell'assistenza alla mensa'' ha aggiunto l'amministratrice.

''A credere in questo progetto, oltre alla scuola, sono state anche associazioni come il CAI e le Guardie Gev del Parco del Curone che hanno fatto 30 escursioni, facendo conoscere ai nostri ragazzi tante parti del nostro territorio. Abbiamo creato una rete funzionante e ben organizzata, basata sulla fiducia, sulla sicurezza e sulla buona volontà delle persone pronte a mettersi in gioco per garantire il benessere dei più piccoli" ha concluso la Pozzi.

Da sinistra don Emanuele Colombo e Nicola Bruni

Dopo aver ringraziato tutti coloro che si sono prodigati per la realizzazione dell'evento, a prendere la parola sono stati Massimiliano del gruppo PASO e don Emanuele Colombo, i quali hanno ringraziato a loro volta tutti coloro che si sono impegnati per organizzare una festa così bella.

La serata è proseguita con il Cabaret bizzarro, con varie discipline di circo, un presentatore che ha intrattenuto il pubblico, moltissimi sketch di improvvisazione, risate e magia. A seguire si sono esibiti anche acrobati con i tessuti, il cerchio aereo, un giocoliere con le clave e con tante altre attrazioni dedicate ai più piccoli.
Marina Temperato
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco