Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 238.402.150
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 02 agosto 2020 alle 16:33

Cassago: centri estivi, videosorveglianza e sicurezza nei quesiti delle 2 minoranze

Particolare rilevanza nel corso del consiglio comunale svoltosi venerdì sera a Cassago è stata assunta dalle interrogazioni e dalle interpellanze presentate dai due gruppi di minoranza (#Insieme Cassago e Progetto Cassago Democratica), alle quali hanno dato risposto gli esponenti della giunta Marabese.

Il consigliere Rosaura Fumagalli, gli assessori Cristian Serra e Monica Conti


Di seguito, punto per punto, i quesiti posti dalle opposizioni e le risposte fornite dagli amministratori cassaghesi:

-Interrogazione presentata da #Insieme Cassago e Progetto Cassago Democratica riguardo il sistema di videosorveglianza

Durante la seduta del 31 luglio, il consigliere Maurizio Corbetta di Progetto Cassago Democratica ha introdotto e illustrato l'oggetto dell'interpellanza: è stato domandato se effettivamente le telecamere dislocate per il paese non funzionino, come alcune fonti certe hanno riferito ai due gruppi di minoranza. In aggiunta, sono stati chiesti aggiornamenti rispetto al bando Lumen di Regione Lombardia, il cui obiettivo è quello di ridurre l'inquinamento luminoso e ottenere un miglioramento ambientale.
L'assessore Emilio Panzeri ha confermato l'inattività delle telecamere attualmente presenti sul territorio cassaghese, situazione che va avanti dal 2017, facendo risalire quindi la carenza dell'efficacia della videosorveglianza a due anni prima dell'insediamento dell'attuale amministrazione. In ogni caso, un nuovo sistema verrà implementato nei prossimi mesi.
In seconda battuta, riguardo al bando Lumen, uno scambio di battute è intercorso tra il consigliere Rosaura Fumagalli, l'assessore all'istruzione Cristian Serra e l'assessore ai lavori pubblici Emilio Panzeri. Il motivo del contendere è stata la presunta marginalità - sostenuta dalla maggioranza - dell'apparato di videosorveglianza previsto all'interno del bando Lumen. Marginalità non riscontrata dal consigliere Fumagalli, che invece ha posto l'accento sull'impossibilità di partecipare al bando senza il prerequisito del sistema di videosorveglianza. A dare illustrazione puntuale è intervenuto l'assessore Serra che ha spiegato il contenuto effettivo del bando e le licenze necessarie per l'aggiunta delle telecamere.

 

La maggioranza

-Interrogazione presentata da #Insieme Cassago e Progetto Cassago Democratica riguardo al rispetto delle norme antinfortunistiche durante i lavori di manutenzione del verde pubblico

Ancora più caustico è stato il botta e risposta intercorso tra la maggioranza e la minoranza #Insieme Cassago riguardo al rispetto delle norme antinfortunistiche durante i lavori di manutenzione del verde effettuati in paese, con tanto di prove fotografiche in allegato. L'assessore Emilio Panzeri ha sottolineato come i protagonisti dell'accaduto siano stati ripresi e invitati ad utilizzare gli strumenti di sicurezza prestabiliti. Oltre a questo, anche il volontario che utilizzava un attrezzo privato per occuparsi del verde pubblico, una volta appurata la verità dell'asserzione, è stato invitato a non utilizzarlo più. A corredo della risposta formale, l'assessore Emilio Panzeri ha voluto però aggiungere un commento. "Il volontario ci ha riferito che usava l'attrezzo per il verde pubblico da tempo, da cinque anni circa, quando ha iniziato a fare il volontario, e mi domando: fino ad adesso non l'avevate visto?". L'assessore ha poi voluto sottolineare come fare foto e video a chi lavora sia oltre che antipatico, irrispettoso. Anche il sindaco Roberta Marabese ha voluto tagliare corto il contenzioso che si stava sviluppando con la minoranza, sostenendo di avere già dato risposta all'interpellanza.

 

A sinistra i consiglieri Sergio Pini e Maurizio Corbetta

-Interrogazione/Interpellanza presentate da #Insieme Cassago e Progetto Cassago Democratica riguardo ai centri estivi e al rientro a scuola

Come ultimo punto all'ordine del giorno, sono state discusse congiuntamente le due interpellanze presentate dalle minoranze, molto affini tematicamente, rispetto allo svolgersi dei centri estivi e alle misure previste per il rientro a scuola.
Alle domande sui centri estivi ha risposto il vicesindaco e assessore alla cultura, Monica Conti. Quest'ultima ha asserito il coinvolgimento delle associazioni del territorio per la realizzazione delle iniziative, per fronteggiare diverse esigenze di organizzazione degli spazi e del pasto. La partecipazione dei cittadini cassaghesi alle proposte come il Summer Life e il campo di Maresso è stata buona.
Nel rispondere alla domanda sulla partecipazione dei bambini diversamente abili invece, il vicesindaco ha affermato di non aver ricevuto richieste di questo tipo. A conclusione dell'illustrazione dell'andamento dei centri estivi è intervenuto il consigliere di minoranza Sergio Pini che si è dichiarato insoddisfatto rispetto alla gestione dei suddetti, ritenendo che lo sforzo da compiere doveva essere nettamente superiore rispetto a quello profuso dall'amministrazione.
Riguardo invece il rientro a scuola, il sindaco Roberta Marabese ha dato lettura della comunicazione uscita in serata e stabilitasi dopo un confronto e sopralluogo delle scuole, effettuato con la preside e con gli organi competenti.

M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco