Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 238.404.966
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 04 agosto 2020 alle 08:11

Casatenovo: variazioni approvate, 400.000 € le risorse stanziate per la perdita di Retesalute

Nell'ultimo consiglio comunale svoltosi a Casatenovo, è stato approvato l'assestamento generale di bilancio a seguito delle nuove comunicazioni giunte con riferimento alla somma definitiva dei contributi statali destinati all'ente. Il sindaco Filippo Galbiati, ha infatti spiegato che l'amministrazione aveva inizialmente previsto una cifra superiore a quella effettivamente ricevuta, pari a circa 350.000 euro, e ciò ha comportato una minore entrata di 27.000 euro che ha creato degli scompensi per la contabilità del Comune.

L'assessore al bilancio Dario Brambilla

L'assessore al bilancio Dario Brambilla, ha quindi illustrato l'emendamento che andrà a correggere e riassestare l'equilibrio finanziario dopo la presa d'atto di questa minore entrata e che consiste nell'impiegare al posto di queste risorse "mancanti" le maggiori entrate dai dividendi di Lario Reti Holding delle quali gli uffici comunali sono stati informati quasi contemporaneamente. L'emendamento è stato quindi approvato con la sola astensione dei quattro membri del gruppo consiliare di minoranza di Più Casatenovo. L'assessore Brambilla ha però illustrato anche l'assestamento generale del bilancio e lo stato di attuazione dei programmi iniziali, partendo proprio dalle minori entrate registrate. La voce principale in questo caso è quella relativa alla riduzione del 10% delle entrate IRPEF, pari a circa 150.000 euro, a cui segue la riduzione dell'IMU di 51.000 euro, la riduzione delle quote di recupero dell'evasione per 77.000 euro e un dimezzamento delle sanzioni amministrative, ridotte a 47.000 euro. Sul fronte delle maggiori entrate invece, si trovano 25.000 euro di contributi per l'organizzazione dei centri estivi, 100.000 euro circa di contributo straordinario di Silea e 94.000 euro di ristoro per le spese legali sostenute per la questione della ristrutturazione della Vismara. L'assessore ha poi parlato delle minori spese per il Comune, di circa 72.000 per alcuni servizi tra il mondo del sociale e quello scolastico che non sono stati erogati e, sul versante opposto, delle maggiori spese sostenute nelle quali rientrano i 52.000 euro per l'attivazione dei centri estivi.

Il sindaco Filippo Galbiati

Oltre a queste voci è stato poi previsto l'utilizzo dell'avanzo di amministrazione per circa 512.000 euro per coprire due capitoli di uscite ben specifiche. La prima si riferisce ai 400.000 euro che il Comune potenzialmente dovrà pagare per le potenziali perdite registrate da Retesalute e i 100.000 euro che l'ente invece da a fondo perduto come contributo alle attività produttive e commerciali di Casatenovo inglobato nella tariffa TARI. Infine, ulteriori variazioni riguardano i 150.000 euro in meno di oneri di urbanizzazione, la mancata alienazione del negozio di via Misericordia che pregiudica la possibilità di entrata di 330.000 euro, maggiori entrate per 30.000 euro di sanzioni amministrazioni, 70.000 euro di monetizzazioni e 50.000 euro circa di contributi dal MIUR per l'adeguamento dei plessi scolastici per l'acquisto di arredo scolastico. Anche in questo caso la decisione è stata quella di applicare parte dell'avanzo di amministrazione per evitare di togliere dal bilancio di previsione alcune opere in programma, e in particolare 220.000 euro di avanzo vincolato e 209.000 euro di avanzo in conto capitale per riequilibrare le entrate e le uscite anche nel conto capitale del bilancio.
La variazione è stata approvata con l'astensione di tutti e cinque i membri di minoranza, tra cui il consigliere pentastellato Christian Perego ha votato in tal senso perché a proprio parere alcuni fondi recuperabili non sono stati spostati nel bilancio, come ad esempio le risorse per l'acquisizione dei terreni dietro la palestra di via Volta che potevano essere recuperate per far fronte alle difficoltà emerse con il Covid-19.

Il consigliere Christian Perego (M5S)

Alla dichiarazione di voto del consigliere ha risposto il sindaco Galbiati che ha precisato che le somme relative all'acquisto dei terreni di via Volta sono finalizzate all'ampliamento del centro sportivo e quindi già impegnate in tal senso e non a disposizione per eventuali variazioni. Il primo cittadino ha anche aggiornato i colleghi sullo stato di avanzamento dei tre grandi progetti in atto e finanziati anche grazie all'aiuto del contributo di regione Lombardia di 550.000 euro e cioè l'efficientamento energetico del comune, per il quale la gara d'appalto è già stata chiusa, la ristrutturazione della scuola media Bracchi e la riqualificazione di Villa Facchi, per le quali la gara invece è ancora in corso.

Al microfono il consigliere Fabio Crippa

Sulla questione di Retesalute è poi intervenuto il consigliere Fabio Crippa, informando il consiglio sullo stato della situazione dopo l'assemblea dei soci lo scorso 29 luglio. In particolare, i comuni hanno deliberato affinché vengano certificati i bilanci precedenti al 2019 da una società esterna e terza per valutare una volta per tutte lo stato della situazione finanziaria e l'entità della perdita dell'azienda. La volontà dell'amministrazione è comunque quella di assicurare una continuità nei servizi da offrire alla cittadinanza, garantendo allo stesso tempo la situazione finanziaria del Comune, cosa, quest'ultima, che è stata anche ribadita dalla Corte dei Conti nel proprio parere favorevole all'affidamento dell'incarico di revisione dei bilanci dell'azienda.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco