Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 243.203.597
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 24 agosto 2020 alle 19:37

Nostra Famiglia: la protesta per il contratto si sposta davanti alla Prefettura

Mentre a Bosisio Parini prosegue il presidio permanente dei lavoratori dell'associazione ''La Nostra Famiglia'', a Lecco i sindacati ne hanno organizzato uno per far sentire la propria voce e soprattutto le proprie richieste nel pomeriggio di oggi - lunedì 24 agosto - davanti alla Prefettura di Corso Promessi Sposi.

La richiesta principale è ancora quella che riguarda il mancato rinnovo del contratto nazionale della sanità privata, atteso da 14 anni. Dello scorso giugno la firma del preaccordo tra forze sindacali - Cgil, Cisl e Uil - e le due sigle che rappresentano le società attive nel settore della sanità privata, Aiop e Aris. Preaccordo che ancora non ha purtroppo portato da nessuna parte e né tantomeno soddisfatto le richieste dei sindacati.

''L'emergenza sanitaria ci ha dimostrato come nella sanità privata ci siano eccellenze e personalità di estremo livello'' ha commentato Vincenzo Falanga, segretario generale Fpl Uil del Lario una volta concluso il vertice ottenuto in Prefettura. ''Tutti con sacrificio e passione hanno contribuito a contrastare l'emergenza pandemica. Il Governo, così come Aiop e Aris, devono fare la loro parte per intervenire in un contratto fermo da 14 anni. Noi come organizzazioni sindacali in questi mesi abbiamo fatto un percorso con i lavoratori della Nostra Famiglia, spiegando quali erano le peculiarità del loro contratto. Questa è la prima volta che in questo Paese accade che a giugno venga sottoscritto un preaccordo e che poi non vengano rispettate le modalità e le tempistiche con cui le parti si erano trovate''.

Cgil, Cisl e Uil - ha proseguito Falanga - continueranno gli scioperi fino al 31 agosto. ''Non porteremo solo il tema della sanità privata ma anche e soprattutto quello delle condizioni alla Nostra Famiglia, che ricordiamo è la seconda vertenza in un panorama territoriale estremamente difficoltoso'' ha concluso il segretario generale di Fpl Uil del Lario.

Articoli correlati:
13.08.2020 - Bosisio, La Nostra Famiglia: protesta dei lavoratori per il cambio del contratto
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco