Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 247.259.240
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 27 agosto 2020 alle 15:35

Oggionese, i lettori: l'erba incolta invade le strade. Segnalazioni da Nibionno a Rogeno

Buongiorno,
Volevo segnalare tramite la vostra testata giornalistica la situazione in cui purtroppo versano i cigli stradali delle arterie provinciali. Le immagini riguardano in particolare il tratto della SP47 che dalla SS36 arriva a Merone. Mi chiedo: com’è possibile che un ente provinciale non veda lo stato delle nostre strade? Ci si aspetta sempre che i cittadini facciano segnalazioni oppure ci si aspetta che succeda qualche incidente? L’erba alta invade gran parte della carreggiata e nasconde anche i pali che delimitano il ciglio stradale; inoltre è talmente alta che nasconde anche i cartelli della segnaletica verticale.

W.S.
Buongiorno,
a Nibionno strade e marciapiedi sembrano abbandonati, ricoperti di vegetazione come documentano le fotografie e ancor più pericolose sono le protezioni ricoperte in alcuni punti, causando un potenziale rischio per chi non conosce la zona.
Basta stringere un po' sul tornante e si va a sbattere sulle protezioni quasi invisibili di giorno e di notte, con l'erba che raggiunge oltre un metro di altezza.
Non solo marciapiedi con ogni tipo di erbacce, ma anche cestini e segnaletica quasi invisibili, specialmente all'uscita della SS36.
Che dire: paghiamo le tasse, ma si fa poco per tenere pulito ciò che appartiene anche al cittadino.
Abbiamo chi prende il reddito di cittadinanza...perché non usufruirne per questi lavori?
Come del resto la vicina Svizzera occupa i disoccupati nei lavori comunali e socialmente utili.
Perche qui non si fa? Troppa burocrazia?
Una volta c'erano i cosi detti spazzini comunali, ma lavoravano per il paese tutti i giorni e avevamo i comuni puliti. Oggi ci si affida ad altri e questi sembrano essere i risultati. E' una vergogna assurda.
Speriamo che il sistema cambi alla svelta e che i comuni ritornino al vecchio operatore ecologico, così che noi possiamo essere orgogliosi di un comune pulito e responsabile rispetto alle proprie strutture: il cittadino paga e ci tiene a vedere che le cose funzionano.

P.R.C.
Abbiamo percorso anche noi alcune delle zone segnalate dai nostri lettori e abbiamo constatato, con amarezza, che la situazione si ripete, puntuale ogni anno, soprattuto nel periodo estivo e nel mese di agosto.

La strada che collega Rogeno a Merone, in località Casletto

La mancanza della manutenzione del verde al ciglio stradale non è un caso isolato: se il problema che ci ha indicato il primo lettore riguarda la strada provinciale 47 che porta verso Erba, non abbiamo potuto non notare che la stessa incuria si trova anche su altre arterie non secondarie come, ad esempio, la provinciale 49 che collega la superstrada 36 a Oggiono e la cosiddetta "tangenzialina" che mette in collegamento Molteno e Sirone a Castello Brianza.

Alcune immagini scattate a Nibionno

Non si tratta di situazioni nuove ma che ogni volta lasciano l'amaro in bocca. Le sterpaglie, in tutti i casi, ormai invadono la carreggiata cancellando le tracce della segnaletica orizzontale ma anche nascondendo quella verticale.

La SP49

E ogni estate "lo spettacolo" si rinnova...non è infatti la prima volta che accogliamo le segnalazioni dei nostri attenti lettori, l'ultima risalente a poco più di un mese fa. Più che attendere risposte, ci aspettiamo fatti.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco