Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 242.100.008
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 30 agosto 2020 alle 14:35

Il mio mattino oggi è così


Chi ha letto Omero conosce il fascino quasi onomatopeico dell'epiteto assegnato a chi personifica quel momento prezioso che precede il sorgere del sole: prima dell'alba il cielo già si colora, come se una divinità ne strappasse con le dita la cortina della notte. Omero la dipinge così: ῥοδοδάκτυλος Ἠώς, rododáktylos Éos, "Aurora dalle dita di rosa".
La contemplavo questa mattina dal balcone affacciato sull'Oriente, prima che la palla incandescente del sole facesse capolino dall'acqua.
Sono a pochi chilometri da dove Dante la ammirò quando la descrisse al canto I del Purgatorio come presagio di rinascita.
Questo settembre è per molti versi una necessaria rinascita per tutti, dopo i giorni sommersi del lockdown. Che possa essere un paradiso nessuno lo crede. Che sia un travagliato cammino di purificazione può darsi. Si dice che il buongiorno si veda dal mattino: il mio mattino oggi è così.
Stefano Motta
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco