Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.013.107
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 02 settembre 2020 alle 19:03

Greppi: il dirigente Crippa illustra il piano approntato per una ripartenza...in sicurezza

Anche l'istituto superiore Greppi di Monticello si prepara a dare nuovamente il via all'attività ''in presenza'' dopo lo stop forzato delle lezioni nei mesi scorsi.
Una ripartenza non semplice da gestire, per una scuola che conta 1280 alunni, una cinquantina di aule, dieci laboratori, due palestre e tanti altri spazi utilizzati dai ragazzi così come dagli insegnanti.
Il dirigente Dario Maria Crippa insieme ai suoi collaboratori, ha fatto sforzi non indifferenti per organizzare la ripresa scolastica, tenendo conto appunto del numero consistente di alunni, il più elevato dell'intera provincia.
Dopo aver effettuato un sopralluogo e una disamina approfondita delle caratteristiche di ogni singola aula, la scuola ha richiesto al Miur la dotazione di cinquecento banchi monoposto (quelli ''sponsorizzati'' dal Ministro Azzolina tanto per intenderci) che saranno impiegati laddove il distanziamento di un metro tra alunni risulterà una condizione impossibile. Le aule più grandi accoglieranno invece le classi con una popolazione scolastica consistente, ovvero dai 27 ai 31 ragazzi; di contro quelle con pochi studenti saranno collocate negli spazi più piccoli, mentre l'area adibita a zona docenti è stata separata dal corridoio con una barriera in plexiglass.

A destra il dirigente scolastico Dario Maria Crippa

''Avendo il nostro istituto 51 aule e ospitando esattamente 51 classi, sarebbe stato inutile richiedere interventi strutturali divisori, poichè la superficie degli spazi sarebbe comunque stata insufficiente a garantire le norme di sicurezza previste. A questo proposito abbiamo chiesto al Consorzio Villa Greppi la possibilità di utilizzare il granaio e le aule sottostanti'' ha spiegato il dirigente Crippa alla stampa in un incontro svoltosi alla presenza anche del sindaco Alessandra Hofmann, precisando che questa opzione potrà essere sfruttata durante le ore di educazione fisica, per evitare un sovrautilizzo delle due palestre di cui dispone l'edificio.
Gli ingressi saranno scaglionati su fasce orarie, così come l'uscita dei ragazzi, per limitare al massimo gli assembramenti. L'unico intervallo precedentemente previsto dalle 10.40 alle 11 sarà sostituito da due intervalli di dieci minuti ogni due ore di lezione; non sarà possibile usufruire del servizio bar, e neppure delle macchinette del caffè/snack mentre i bagni saranno aperti tutta la mattinata, per evitare una concentrazione di utenza nello stesso momento.
Per quanto riguarda la didattica, si attendono risposte dal Ministero e dalla Prefettura, ma la dirigenza dell'istituto superiore monticellese ha già elaborato due opzioni. La prima prevede la presenza a scuola di tutti gli studenti, fermo restando che le normative anti-Covid dovranno essere scrupolosamente rispettate. La seconda invece, ipotizza la didattica a distanza per alcuni gruppi di ragazzi, secondo un meccanismo a rotazione, in maniera tale che a tutti possano essere garantite, a turno, lezioni frontali. Se questa opzione dovesse essere ritenuta la più valida, ne saranno esclusi gli studenti di prima: per loro è stata decisa la frequenza a scuola sempre ''in presenza''.

Il risultato dei lavori per l'installazione del plexiglass accanto allo spazio riservato ai docenti

''La ripresa delle attività dovrà avvenire in un complesso equilibrio tra sicurezza, in termini di contenimento del rischio di contagio, benessere socio emotivo di studenti e lavoratori della scuola, qualità dei contesti e dei processi di apprendimento e rispetto dei diritti costituzionali alla salute e all'istruzione. Il rischio zero non esiste, ma noi cerchiamo di fare il possibile'' ha concluso il dirigente, specificando che ''il piano sarà sottoposto a continuo monitoraggio e subirà tutte le modifiche che si riterranno necessarie al mutare della situazione''.
Il professor Crippa ha voluto rivolgere un ringraziamento ai docenti che si sono particolarmente spesi in queste settimane, anche nell'organizzazione dei corsi di recupero che si stanno svolgendo tutti a scuola, ''in presenza''. E poi ancora al Consorzio Villa Greppi, al Comune di Monticello e alla Provincia, ciascuno per le proprie competenze.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco