• Sei il visitatore n° 353.089.106
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 03 settembre 2020 alle 08:05

Molteno, primaria: genitori di 5B in attesa di spiegazioni sullo scorporo della classe

Riceviamo e pubblichiamo una lettera pervenuta da un gruppo di genitori della classe 5B della scuola primaria di Molteno che manifesta il malcontento in relazione alla decisione della dirigenza scolastica di creare più gruppi classe delle due sezioni dell'ultimo anno.

Nella nota informativa sull'organizzazione dell'anno scolastico 2020-2021, la dirigente scolastica Stefania Perego, faceva riferimento alla necessità di "rivedere, in alcuni casi, la costituzione dei gruppi classe in base al criterio numerico. Tale operazione sarà effettuata sulla base dei criteri di formazione delle classi". La scuola primaria sarà infatti formata da 11 gruppi classe: due sezioni per ogni anno, ad accezione dei bambini dell'ultimo anno che verranno divisi in tre gruppi classe.
I genitori della classe quinta della primaria hanno appreso a fine luglio che le due sezioni dovrebbero essere scorporate al fine di creare tre gruppi distinti. Una decisione non apprezzata dalle famiglie dei 20 alunni che compongono la sezione B: si dicono "tradite in un momento delicato per la vita sociale, relazionale e didattica di questi giovanissimi studenti", a maggior ragione alla luce dell'offerta formativa presentata cinque anni fa che li aveva spinti "a scegliere questo luogo deputato al sapere, alla cura delle relazioni, a conoscersi e ad apprezzarsi. Come spiegare a un/una bambino/a di 10 anni che non avrà più la sua maestra all'ultimo anno, che non vivrà quest'ultimo pezzetto di strada con i suoi compagni ma solo (forse) con alcuni di essi? I bambini non sono numeri ma persone che devono godere in questo momento storico di certezze e non di scossoni".

Lo scorso 4 agosto il gruppo di genitori aveva scritto alla dirigente scolastica una missiva per avere contezza delle motivazioni che hanno portato a separare le classi dell'ultimo anno. "Il 13 agosto la dirigente ha risposto alla nostra lettera ma non alle domande che le avevamo posto - hanno spiegato alcuni genitori - Ha fatto una serie di considerazioni, ma non ha risposto ai nostri interrogativi in merito agli spazi. Ha deciso di creare tre classi senza utilizzare altri spazi che esistono, consentito in base alle linee guida del ministero della pubblica istruzione e alle indicazioni del comitato tecnico scientifico che sono mutate rispetto allo scorso giugno. All'interno dell'istituto ci sono gli spazi, senza tenere conto che l'oratorio e il comune hanno messo a disposizione le loro strutture".

A fronte di una risposta a loro avviso lacunosa, i genitori hanno quindi indirizzato una nuova lettera alla dirigente lo scorso 20 agosto per avere ragguagli, senza esito. "Non abbiamo ottenuto un riscontro e così il 31 agosto abbiamo richiesto un incontro ma, ad oggi, siamo senza una risposta".
La maggioranza dei genitori che non condivide la decisione della direzione didattica, dopo aver provato a inviare una richiesta di chiarimenti all'istituto senza però ottenere risposte precise, ci ha manifestato l'amarezza della situazione in cui si trovano, ora che siamo a meno di due settimane dal suono della prima campanella. L'auspicio è che la scuola, alla luce delle recenti indicazioni del comitato tecnico scientifico sulla ripresa dell'anno scolastico in sicurezza, possa ravvedersi e modificare quella che, ad oggi, pare essere la decisione assunta.

Di seguito la lettera integrale:

Regolarità e serenità dovrebbero essere le due categorie che accompagnano il rientro a scuola dei bambini e ragazzi. Purtroppo all’I.C. di Molteno pare che questa indicazione delle Linee guida del Governo non siano state prese in considerazione.
Siamo la maggioranza dei genitori della futura classe quinta VB della Scuola Primaria del plesso di Molteno che a nome dei nostri bambini si sente tradita in un momento delicato per la vita sociale, relazionale e didattica di questi giovanissimi studenti. Perché? Il gruppo classe formatosi 4 anni fa rischia (o è già in essere?) di essere rimodulato con l’altra classe quinta così da formare tre nuovi gruppi con differenti percorsi didattici e pedagogici, oltre a non avere garanzia di essere accompagnati dalle proprie maestre in questo difficile - perché lo sarà per tutti, grandi e piccini - anno di ripresa dopo la tempesta, non ancora terminata, portata dal COVID19.
Ci chiediamo perché la notizia sia giunta a fine luglio senza alcun preavviso?; ci chiediamo perché siano rimaste inevase le domande poste nella lettera del 4 agosto 2020 firmata da tutti i genitori? ci chiediamo perché i nostri bambini (20) non possano essere collocati temporaneamente, fino al termine del periodo emergenziale, in altri spazi presenti all’interno dell’I.C. o addirittura nei vari locali limitrofi allo stesso e di proprietà del Comune messi a disposizione?; ci chiediamo perché i bambini subiranno (ennesima beffa!) una riduzione oraria non agevolando il veicolare del sapere e condannando anche le stesse famiglie a “voli pindarici”?; ci chiediamo perché al nuovo sollecito di incontro e chiarimento non è giunta alcuna risposta?
Ma il più grande rammarico è aver tradito l’offerta formativa presentataci 5 anni fa e che ci ha spinto a scegliere questo luogo deputato al sapere, alla cura delle relazioni, a conoscersi e ad apprezzarsi. Come spiegare a un/una bambino/a di 10 anni che non avrà più la sua maestra all’ultimo anno, che non vivrà quest’ultimo pezzetto di strada con i suoi compagni ma solo (forse) con alcuni di essi? I bambini non sono numeri ma persone che devono godere in questo momento storico di certezze e non di scossoni.
Ricordiamo che il CTS ha riorganizzato molto le indicazioni date a giugno rispetto alle ultime (basterebbe pensare all’uso della mascherina, alla capienza dei mezzi pubblici e non solo) perciò facciamo leva su quesi aspetti perché questa decisione possa essere rimodulata per tornare a quella “normalità” auspicata e sicuramente incentivata proprio da tutti!


La maggioranza dei genitori della futura 5^B Scuola Primaria di Molteno

Lo spazio resta chiaramente a disposizione per eventuali precisazioni e/o repliche in merito.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco