Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 303.747.482
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 03 settembre 2020 alle 15:28

Pallamano Molteno: il saluto di Antonio Rossi

Personaggio amato da tante persone e sempre vicino allo sport. Lo ha fatto da atleta, vincendo tre titoli olimpici nel K1 e K2 di canoa, tre mondiali (K2) partecipando anche a cinque olimpiadi. Lo ricordiamo anche come portabandiera alla spedizione italiana a Pechino 2008. Lo ha fatto anche quando è entrato in politica. Il lecchese Antonio Rossi, è sempre rimasto, ed è, una persona molto attenta alle vicende sportive che si tengono sul nostro territorio. Da 2 anni ricopre il ruolo di sottosegretario con delega ai Grandi Eventi Sportivi. E ci fa molto piacere, ed è motivo di grande orgoglio, che Antonio Rossi abbia voluto intervenire alla vigilia dell'inizio del campionato nazionale di pallamano Serie A Beretta.

Antonio, intanto grazie per la tua disponibilità. Partiamo con l'intervista nel chiederti che significato ha per la provincia di Lecco, sotto l'aspetto sportivo, avere una formazione di pallamano nel massimo campionato nazionale.
''Indubbiamente è motivo di grande lustro ed orgoglio. Sono diversi i punti di grande attenzione e richiamo. Vuoi quello della promozione del territorio. Vuoi perché assistere a delle partite di un qualsiasi campionato nazionale di Serie A, regala grandi emozioni e tanto entusiasmo. Poi c'è un aspetto molto significativo. I giovani, assistendo a queste grandi sfide - dice Antonio Rossi - possono trovare degli obbiettivi importanti; possono rafforzare quella passione che hanno per questa disciplina, ed in loro, si possono rafforzare tanti sogni''.

Cosa possono fare le istituzioni per venire incontro ad una società come Molteno che investe in questo sport e nei giovani?
''Possono fare tanto. A tutti i livelli. Tutti devono fare qualcosa per lo sport. A livello regionale tramite dei bandi e dare dei contributi importanti, ad esempio anche per le varie trasferte in tutta Italia. A livello governativo, oltre ad aiuti fiscali, e varie agevolazioni, credo sia importante lavorare per un iter burocratico meno pesante e stressante''.

Ora parliamo di un tema molto importante, lo sport nelle scuole e la pallamano come veicolo promozionale.
''Ci tengo a dire che quando ero al liceo "giocavo", o meglio cercavo di muovermi sportivamente parlando, a pallamano. Questo per dire che è importante come la disciplina della pallamano debba avere il suo giusto spazio nei complessi scolastici. Entriamo nelle scuole e facciamo conoscere ancor di più la pallamano ai giovani. Questo è molto importante per questo sport, dove sono certo potranno nascere nuovi talenti ''.

Antonio ora ti chiediamo un tuo augurio alla società ed alla squadra per questa nuova avventura.
''Alla società faccio un grosso in bocca al lupo. Un augurio? I ragazzi so che daranno sempre il massimo per riuscire a vincere, anche se non sarà facile, e spero di venire a qualche partita di campionato, anche se penso sempre che possa portare sfortuna.... Ma il Molteno so che è una squadra tosta e penserà solamente ad essere sul pezzo. Forza Molteno!''.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco