Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.772.915
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 06 settembre 2020 alle 08:56

Missaglia: al Monastero per i più piccoli in scena...Pollicino

Un pomeriggio magico e pieno di musica quello che ha animato sabato la suggestiva cornice del Monastero della Misericordia di Missaglia.

Alle ore 16.30 infatti, si è tenuta l'ultima - quantomeno per il territorio missagliese - rappresentazione nell'ambito dell'annuale kermesse L'Ultima Luna d'Estate, organizzata da Teatro Invito e dal Consorzio Brianteo Villa Greppi.

In particolare, questa volta l'attenzione - e la partecipazione - è stata tutta rivolta agli spettatori più piccoli: è infatti dedicato ai bambini lo spettacolo teatrale "Pollicino Pop", con testo e regia opera di Luca Radaelli, direttore artistico di Teatro Invito.
Su il sipario, dunque, per una rivisitazione - con ironia, gioco e musica - della classica storia di Pollicino.

Prima, però, abbiamo raggiunto sia Donatella Diacci, assessore alla cultura del comune ospitante, che si è detta lieta della partecipazione alla rassegna, con una dolce chiusura per Missaglia, grazie alla presenza dei bambini, nonché il regista e autore della piece, Luca Radaelli, che ha scelto quella fiaba proprio con in mente i ruoli da assegnare ai suoi attori (Giusi Vassena, Davide Scaccianoce e Gabriele Vollaro).

Il regista Luca Radaelli

"L'ho scritta di getto con in mente i miei attori durante il lockdown, così, in maniera ironica. Abbiamo debuttato a luglio e vista la risposta abbiamo deciso di replicare anche qui. Lo metteremo anche in cartello a Lecco, e poi vedremo se e come continuare, anche perché, al di là del divertimento, è saltato fuori un finale con un bellissimo rimedio al traffico".

Ma oltre non possiamo proseguire, sia perché non si svela mai il finale di un'opera, sia e soprattutto perché, anche se non più piccoli, vale davvero la pena di tornare per un attimo bambini e godersi la bellissima rappresentazione. Come insegna la versione pop di Pollicino infatti, sognare non costa davvero niente. E a volte, i sogni si avverano pure.

Mari.T.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco