Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.963.864
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 07 settembre 2020 alle 14:41

Castello B.za: alla primaria lezioni pomeridiane e mensa sospesi sino a fine mese

Mentre non è stato registrato nessun nuovo caso di positività al virus Covid-19 nel comune di Castello Brianza - solo un cittadino risulta in isolamento domiciliare precauzionale - l'amministrazione ha fornito le prime indicazioni utili alla ripresa dell'anno scolastico. Ad una settimana dall'avvio delle lezioni, sono stati resi disponibili maggiori dettagli su orari, classi e su come funzioneranno i servizi di trasporto e mensa scolastica in base alle nuove normative per il contenimento della pandemia.
Sia presso la scuola primaria che presso la scuola secondaria «non ci saranno sdoppiamenti di aule» ha spiegato il sindaco Aldo Riva, precisando inoltre che «verranno garantiti gli orari e le ore didattiche già vigenti nell'anno scolastico scorso».

La scuola primaria di Castello Brianza

Questa dovrebbe essere la situazione ordinaria che però avrà, in una prima fase, un'eccezione. Secondo alcune indicazioni ricevute, almeno durante le prime due settimane, la scuola primaria De Amicis potrebbe essere «aperta solo al mattino fino alle 12.30» senza le lezioni pomeridiane. Come conseguenza anche il servizio di mensa scolastica non verrà svolto. La data indicativa in cui potrebbe riprendere il tempo prolungato è fissata per il 28 settembre. Giorno in cui dovrebbe riprendere anche il servizio mesa che, a differenza di quanto accadeva in passato, verrà svolto in due turni.
«Il salone mensa - ha spiegato il primo cittadino di Castello Brianza - ha una capienza normale di cento posti. Con le regole vigenti possiamo garantire una capienza massima di cinquanta posti, in tutta sicurezza e nel rispetto delle normative». Una riduzione della capienza che ha per l'appunto obbligato l'amministrazione comunale a organizzare il servizio di ristorazione su due turni con la sanificazione del locale fra un turno e l'altro. Soluzione che richiederà maggior personale e comporterà un conseguente aumento dei costi. «Il comune - ha precisato il sindaco - ha deciso che questi costi non ricadranno sulle famiglie, ma verranno coperti con il bilancio comunale».
Riva ha inoltre posto l'accento sulle fasi di ingresso e uscita dall'istituto De Amicis: «i genitori che accompagnano [...] devono prestare molta attenzione a non creare situazioni di rischio e affollamenti» ha spiegato.
Le indicazioni su come funzionerà il trasporto degli alunni, e i relativi comportamenti da tenere, dovrebbero essere diffuse prossimamente agli iscritti. A oggi è certo che «l'autobus non sarà pieno al 100%, ma viaggerà nel rispetto delle normative e delle misure di sicurezza» ha avuto modo di precisare il sindaco nel suo consueto videomessaggio del fine settimana rivolto ai suoi concittadini.
Allo studio da parte dell'amministrazione vi è in particolare l'«organizzazione» del servizio nelle ore mattutine della prossima settimana quando sul pullman saranno presenti, oltre ai nove bambini della scuola dell'infanzia, anche gli alunni della primaria. Fermate e orari dovrebbero essere comunicate nei prossimi giorni dal comune.
Il servizio di pre-scuola si svolgerà come di consueto dalle ore 7.30 alle 8.30, ma verrà avviato da giovedì primo ottobre. I 14 bambini iscritti trascorreranno il tempo in un'aula, seduti al banco con le mascherine, a differenza di quanto accadeva in passato quando si ritrovano nella biblioteca. Con loro saranno presenti due operatrici di una cooperativa, garantendo il rapporto di un operatore ogni sette bambini. I cambiamenti si sono resi necessari per garantire le condizioni di sicurezza richieste dalle normative.
Per finire, risultata ancora in fase di definizione il servizio di dopo-scuola che l'amministrazione è comunque intenzionata ad attivare. «Stiamo lavorando con la cooperativa - ha spiegato il sindaco - per verificare le condizioni di sicurezza e i protocolli previsti». L'avvio del servizio è stato comunque «rinviato».
Alcune variazioni saranno previste negli orari di funzionamento della scuola dell'infanzia. L'ingresso avvera alle 8.30 del mattino e l'uscita alle 15.00, circa mezz'ora prima rispetto al passato.

L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco