Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 238.700.368
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 12 settembre 2020 alle 10:25

Nibionno: gara di velocità non autorizzata sulla SP342. Il Comune preannuncia un esposto alla Procura

Buonasera,
sono una cittadina di Nibionno. Sulla provinciale stasera si sta svolgendo una corsa di autovetture con tanto di pubblico in assembramento: io ed i miei vicini abbiamo chiamato tutte le forze dell'ordine. Il vice sindaco non era al corrente di tutto ciò.
C'è gente sulla provinciale e sui cancelli per vedere queste macchine truccate.
Ringrazio per l'eventuale interessamento.

Una lettrice via whatsapp


Un raduno di auto clandestino, non autorizzato, lungo la strada provinciale 342, con tanto di pubblico piuttosto numeroso, in barba alle norme sugli assembramenti anti Covid. É quanto accaduto ieri sera, venerdì 11 settembre, a Nibionno: diversi cittadini, oltre al residente che ci ha scritto, si stanno interrogando su questa sorta di competizione tra auto con motori "truccati".

Un movimento spontaneo, organizzato - da quanto è stato possibile apprendere - da giovani tramite un tam tam sui social che prevedeva un appuntamento intorno alle 21 nei pressi del supermercato Sigma. Qui era stata annunciata la presenza di "una selezione di macchine stra particolari" con ritrovo in un parcheggio sotterraneo nelle vicinanze.

VIDEO



Un richiamo che ha subito suscitato l'interesse tra gli appassionati di motori che hanno postato i loro video sui social, annunciando la loro presenza alla serata. Ci sono le segnalazioni e i video a testimoniare quanto è poi accaduto sull'arteria: tantissimi giovani, più di un centinaio, assembrati nei pressi della rotatoria vicina al supermercato che incrocia via Manzoni e auto da rally a tutta velocità lungo il rettilineo, dando dimostrazione dei loro potenti motori anche in rotatoria.

Una strada resasi suo malgrado scenario della presunta gara clandestina per diverse ore, con i residenti tenuti svegli dal rumore assordante provocato dal motore delle auto. Questi ultimi hanno tentato di contattare le forze dell'ordine, ma solo l'agente di polizia locale - peraltro fuori dall'orario lavorativo - è tempestivamente intervenuto sul posto. Le altre pattuglie erano infatti impegnate su altri interventi.
"Qui ieri sera dalle 21 alle 00.30 hanno fatto gare di auto, che facevano sentire i loro motori e ne davano dimostrazioni facendo anche più giri della rotatoria. Tutto questo con la strada provinciale che era aperta e senza nessun controllo. Tantissimi giovani, che hanno lasciato le auto in sosta fino a Bulciago, erano presenti in piedi, seduti sui cancelli di un'azienda e applaudivano al passaggio di queste auto - ha raccontato una residente - L'intervento delle forze dell'ordine è stato a nostro avviso tardivo: nonostante le numerose segnalazioni di noi residenti, sono arrivate quando tutto era finito. Noi ci siamo sentiti come se avessimo avuto il gran Premio per due ore. La nostra preoccupazione era relativa, oltre alla questione dell'assembramento, all'incolumità delle persone presenti e di quanti si trovavano a transitare sulla provinciale".

"Sto approfondendo la vicenda - ha affermato il sindaco Claudio Usuelli - Non era arrivata nessuna richiesta né al Comune, né alla Provincia. Nelle mie due vesti, non può essermi sfuggita, dal momento che necessita di autorizzazioni, quindi non c'era nulla". L'intenzione dell'amministrazione è quella di andare avanti. "Sicuramente non rimarremo inerti. Come Comune formalizzerò un esposto in Procura, mentre, in qualità di presidente della Provincia, ho ordinato un sopralluogo della polizia provinciale sulla strada per far controllare lo stato dell'asfalto, della cartellonistica e l'eventuale presenza di rifiuti perché è giusto che chi ha fatto tutto questo paghi. Il nostro agente di polizia locale è intervenuto da solo, nonostante fosse fuori servizio: tanto di cappello a lui che si è mosso subito. Abbiamo i filmati e le foto e, nell'incontro con i carabinieri, farò le mie dichiarazioni"
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco