Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.126.210
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 24 settembre 2020 alle 12:09

Bosisio Viva segnala: all’asilo la rampa d'emergenza finisce contro…una finestra

La scuola dell'infanzia di Bosisio
Rampa dell'uscita d'emergenza che conduce...a una finestra. Alla scuola d'infanzia Melzi D'Eril di Bosisio Parini l'anno scolastico è cominciato con diverse novità per i bambini: i gruppi classe sono infatti stati sdoppiati, passando da quattro a otto, in rispetto alla normativa anti Covid e l'amministrazione ha acquistato 23 armadietti ignifughi per favorire la separazione delle classi.
Sull'edificio esterno, invece, i lavori del comune si sono concentrati sulla realizzazione dell'uscita d'emergenza di cui l'istituto non era dotato.
L'attività scolastica per i bambini, come noto, è ripresa lo scorso 7 settembre ma l'opera, ad anno ormai avviato da qualche settimana, è ancora incompleta (la porta sarebbe prevista da progetto ma non è stata ancora realizzata) e dall'opposizione sottolineano la "leggerezza" di quest'amministrazione.
"Sono anni che segnaliamo la mancanza delle minime norme di sicurezza presso gli edifici scolastici - ha denunciato il capogruppo di Bosisio Viva, Giacomo Gilardi - Questa è un'opera che da tempo viene richiesta sia dalla scuola sia da noi, attraverso interrogazioni. Speravo che l'Amministrazione si fosse finalmente accorta e che quest'anno provvedesse, a maggior ragione una volta che si era compreso, a maggio, che la scuola non avesse più riaperto. Ci sarebbe stato un margine più lungo per fare i lavori e gli interventi opportuni. Invece anche i lavori più necessari come "l'uscita di sicurezza" sono iniziati solo a ridosso dell'inizio scuola e questo è il risultato: la rampa che dovrebbe fungere da uscita di emergenza finisce contro una finestra. I bambini dovranno imparare a scavalcare? Inaccettabili prove di sopravvivenza".
Quello che l'opposizione lamenta è una mancanza di attenzione da parte dell'amministrazione comunale. "La rampa è emblematica del fatto che ci si è mossi tardi. Con tutto il tempo che c'è stato, non si è riusciti ad arrivare in tempo e la porta oggi non c'è. I lavori sono infatti incominciati a settembre inoltrato e terminati il sabato prima dell'avvio della scuola" ha aggiunto il consigliere di opposizione. "Già il fatto che mancasse la scala di emergenza era preoccupante: ora che abbiamo avviato i lavori, siamo arrivati a inizio scuola in così malo modo. Questo richiede un'assunzione di responsabilità da parte degli amministratori, visto che non si è fatto nulla. Se uno decide di occuparsi della cosa pubblica, lo fa dandosi delle priorità" ha rincarato Giacomo Gilardi.

"Dov'erano il sindaco o l'assessore durante l'estate? Rientrando a scuola, le insegnanti hanno trovato il materiale utilizzato dai ragazzi durante i laboratori estivi. Questo ci dimostra che non ci sono andati. É abbastanza surreale vedere quanto è accaduto e sintomatico di qualcosa che noi segnaliamo da tempo".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco