Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.013.965
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 28 settembre 2020 alle 07:53

Cortenuova: a don Valentino un grazie per i 30 anni trascorsi in paese

Una celebrazione liturgica speciale quella di domenica mattina a Cortenuova. La comunità si è stretta al suo parroco, don Valentino Agostoni, ricordando insieme a lui due ricorrenze importanti: i suoi 80 anni e i 30 anni di presenza nella piccola parrocchia monticellese, per la quale si è dimostrato guida sicura ed apprezzata.

Don Valentino (secondo da destra) con gli esponenti del consiglio comunale e i soci dell'ANC

Entrambi gli anniversari non si erano potuti celebrare degnamente negli scorsi mesi a causa del Coronavirus.
Al termine della messa il sindaco Alessandra Hofmann e l'assessore Davide Gatti hanno preso la parola per omaggiare don Valentino, dimostrandogli la vicinanza della comunità civile, rappresentata anche dagli assessori Luca Pozzi, Roberto De Simone, dal consigliere Marco Scaccabarozzi e da Alessandro Origgi. Presenti anche due esponenti dell'associazione nazionale carabinieri di Missaglia e Suor Federica Zoia, originaria della comunità e da molti anni ormai missionaria in Kenya.
Prima di concludere la liturgia, sull'altare è salito anche Luca Rigamonti, che a nome della comunità ha ringraziato il parroco consegnandogli la "Benedizione apostolica di sua Santità Papa Francesco". ''Ritornando a quei giorni difficili di marzo e aprile, che ci hanno tenuto fisicamente distanti, abbiamo sempre sentito la vicinanza del nostro don Valentino, con la sua costante e continua preghiera e per questo vogliamo esprimerle la nostra gratitudine e il nostro ringraziamento'' le parole pronunciate dal pulpito.

Nel pomeriggio la festa, orfana della tradizionale processione con la statua del Redentore e della pesca di beneficenza, è proseguita con i vespri e la benedizione con la presenza di don Marco Galli della Villa Sacro Cuore di Triuggio. Quest'ultimo ha focalizzato l'attenzione sulla lettera del Siracide come suggerito dall'arcivescovo Mons.Mario Delpini.
Stamani infine, messa dedicata a tutti i defunti della parrocchia.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco