Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.834.648
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 01 ottobre 2020 alle 08:02

Nibionno: l’iter dei nuovi campi al coperto di Tabiago pronto per la gara in Provincia

Approvato dalla giunta comunale di Nibionno il progetto definitivo di riqualificazione dell'impianto sportivo di Tabiago.
Nella serata di martedì 29 settembre, il progetto sui campi esterni ha ottenuto il via libera, che fa seguito alla validazione dell'opera. Conclusi questi passaggi, il comune affiderà l'iter di gara pubblica alla Provincia di Lecco, che si occuperà dell'appalto per l'affidamento dei lavori.

A sinistra il sindaco Claudio Usuelli

L'idea dell'amministrazione è quella di andare a eliminare i campi da tennis che, realizzati ormai un ventennio fa, non venivano utilizzati e si trovavano in uno stato di abbandono. Da qui, l'idea di andare a realizzare due tensostrutture, entrambe dotate di riscaldamento autonomo rispetto alla palestra e di spogliatoi dedicati all'esterno. Il centro sportivo di Tabiago potrà avere quindi la disponibilità di due nuovi spazi coperti: uno in erba sintetica che potrà essere utilizzato per il calcio, mentre l'altro verrà trasformato in sala polivalente, adatto alla pratica di diverse attività.
Per quest'opera, il cui progetto è stato affidato all'ingegnere Marco Scaramellini di Sondrio, è prevista una base d'asta di 650.000 euro. Le risorse, nel bilancio comunale, deriveranno dall'applicazione dell'avanzo di amministrazione.

I danni per maltempo alla palestra di Tabiago

Grazie a questo progetto, andrà così a completarsi la riqualificazione dell'impianto in corso da tempo: la giunta, guidata dal sindaco Claudio Usuelli, negli scorsi anni era intervenuta sulla struttura coperta, sostituendo la caldaia e posizionando nuove luci a Led.
L'avanzamento della procedura di riqualificazione si è scontrato con un intoppo imprevisto: nell'ondata di maltempo che lo scorso venerdì 25 settembre ha colpito il territorio, si sono verificati danni al palazzetto, che è stato in parte divelto. La struttura è stata subito interdetta alle società sportive che in queste settimane non hanno la possibilità di utilizzare altri impianti. La palestrina della scuola primaria Bruno Munari non potrà, infatti, ospitare gli atleti per gli allenamenti: l'amministrazione, con l'avvio dell'anno scolastico, aveva deciso di lasciarla in uso solo alle scuole. "La palestrina delle elementari verrà adibita a mensa da inizio ottobre, quando riprenderanno i pomeriggi a scuola - ha riferito il primo cittadino - Nel refettorio, invece, si farà l'attività sportiva".

Non potendo contare nemmeno sulla palestrina, quindi, le società devono fare i conti con uno stop forzato delle loro attività, ma le notizie che giungono dal comune sono incoraggianti. "Sono già stati affidati gli incarichi per la sistemazione e, non appena verranno ordinate le lamelle in alluminio per la copertura del tetto, si procederà a montarle. Entro la metà di ottobre, quindi la palestra dovrebbe tornare agibile" ha comunicato il sindaco Usuelli.
Nel frattempo, la procedura per la creazione dei due campi coperti proseguirà con la gara di appalto. Tempi di esecuzione? "A febbraio dovrebbero essere pronti" è la stima del sindaco.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco