Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.558.084
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 03 ottobre 2020 alle 16:07

Cremella: sconto del 30% sulla Tari per alcune utenze non domestiche

In linea con i tempi stabiliti da Arera, mercoledì 30 settembre il consiglio comunale di Cremella ha approvato le nuove tariffe della tassa sui rifiuti. "È stato un processo abbastanza laborioso, ma siamo arrivati a definire le nuove tariffe. Andremo a illustrare anche le agevolazioni e le scadenze delle rate", ha introdotto l'argomento il sindaco Ave Pirovano.

Successivamente il consigliere Massimo Redaelli ha illustrato nel dettaglio la delibera. "Per la determinazione delle tariffe è importante avere a disposizione un piano finanziario e quindi definire i costi relativi al servizio di raccolta dei rifiuti, perché nel calcolo della Tari si coprono solo quelli che sono i costi sostenuti". Il piano finanziario che è stato elaborato, ha spiegato il consigliere Redaelli, considera diverse tipologie di costi che si dividono in fissi e in variabili, quest'ultimi dipendono dal quantitativo di rifiuti effettivamente prodotto. "Il piano stilato per il 2020 osserva che il costo da coprire è di circa 156 mila euro, di cui 55 mila sono costi fissi, mentre 101 mila sono costi variabili", ha spiegato il consigliere Redaelli. All'interno della quota variabile, il costo più ingente è dato dalla raccolta differenziata che si attesta a circa 60 mila euro.

Il sindaco Ave Pirovano

A partire da questo piano sono state stabilite le tariffe per le utenze non domestiche e domestiche, le prime sono determinate da un coefficiente che dipende dal tipo di attività che viene svolta, le seconde dipendono, invece, dalla metratura della casa e dal numero di componenti che vi abitano. Il consigliere Fabio Colombo ha poi proseguito con l'illustrazione delle tariffe. Del totale delle utenze cremellesi, il 73,09% sono utenze domestiche, mentre il 27,91% non domestiche. Rispetto alle tariffe domestiche non ci sono grossi cambiamenti se confrontate con l'ammontare delle tasse dello scorso anno. Il vero cambiamento è dato per le utenze non domestiche che hanno osservato un periodo di sospensione dell'attività durante l'isolamento causato dal covid-19.

Infatti, quest'ultime godranno di uno sconto del 30% sulla quota fissa e variabile del 2020. Lo sconto verrà coperto da un dividendo straordinario di Silea, che per Cremella ammonta a 13 mila euro. Inoltre, sempre in conseguenza alla pandemia sono cambiate le scadenza della Tari: 2 dicembre 2020 e 31 gennaio 2021, saranno le due scadenze entro cui pagare le rispettive rate, oppure rimane la possibilità di pagare tutto il 2 dicembre.
"Verrà fatta una delibera di giunta con cui stabiliremo i criteri di coloro i quali potranno richiedere questo tipo di sconto - ha spiegato il sindaco Pirovano - per esempio coloro che sono in regola con i pagamenti, che hanno sospeso la loro attività durante l'espansione del covid, che non hanno avuto nessuno tipo di sanzione, eccetera".
M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco