Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.473.474
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 04 ottobre 2020 alle 21:24

Cassago: l'ex sindaco Fragomeli replica al vicesindaco sul tema commissioni. ''Per noi il coinvolgimento era fondamentale''

Riceviamo e pubblichiamo una replica di Gian Mario Fragomeli - già sindaco di Cassago dal 2004 al 2014, alle dichiarazioni rese in consiglio comunale dall'assessore alla cultura Monica Conti che, in risposta ad una mozione presentato dalle due minoranze con oggetto la partecipazione alla stesura del periodico comunale, aveva citato un'analogia con la condotta tenuta nel 2009 dall'amministrazione allora guidata proprio dall'attuale deputato. In una lettera, Fragomeli chiarisce quella che era la situazione politica del tempo, sottolineando alcune differenze rispetto a quella attuale:

L'ex sindaco Gian Mario Fragomeli
Nell'ultimo consiglio comunale a Cassago Brianza mi sono trovato, come leggo su Casateonline, citato dal vicesindaco su un tema a mio avviso molto importante: la partecipazione e il contributo dei consiglieri comunali ma in generale della cittadinanza all'attività comunale.
Le citazioni "chirurgiche", intese come l'estrazione di singole parole o frasi, possono dar vita ad interpretazioni fuorvianti ed evidenziare grandi limiti nel definire le similitudini a distanza di un decennio, ancor più se frutto di verbali redatti senza registrazioni ma di un lavoro di sintesi da parte dall'ufficiale verbalizzante.
Diversamente, penso sia doveroso contestualizzare quanto avvenuto e in particolare descrivere da quell'8 giugno del 2009 quando l'Amministrazione comunale guidata dal sottoscritto veniva riconfermata con quasi il 70% dei consensi nel confronto con un'unica lista alternativa "Cassago Cambia". Risultato che ricordo solo perché ha rappresentato il fattore propulsivo per l'approvazione il successivo 14 luglio - a soli poco più di 30 giorni dall'elezione - di un regolamento profondamente innovativo e che ampliava fortemente il numero delle commissioni comunali. In un comune di circa 4 mila abitanti insediavamo ben 8 (otto!) commissioni consiliari (aggiuntive alle 4 commissioni previste dalla normativa vigente) e più precisamente:

1) Commissione urbanistica;
2) Commissione istruzione, cultura e tempo libero;
3) Commissione famiglia, sussidiarietà e solidarietà sociale;
4) Commissione sport e giovani;
5) Commissione industria, artigianato e commercio;
6) Commissione ambiente e vivibilità;
7) Commissione innovazione tecnologica;
8) Comitato di redazione del periodico comunale.

Una scelta non facilmente riscontrabile in comuni delle stesse dimensioni e, come evidenziano le denominazioni delle commissioni, si trattava di tematiche non ordinarie e non strettamente legate al funzionamento della macchina amministrativa, bensì peculiari e finalizzate a raccogliere e far partecipare i consiglieri e cittadini - essendo la composizione aperta e non limitata ai consiglieri comunali - al governo del territorio comunale. Mi verrebbe da dire sostanza e non forma, per realizzare un'amministrazione sempre più proiettata all'esterno e attenta ai bisogni sociali, economici e culturali della comunità cassaghese. Colgo l'occasione per ringraziare sia i presidenti delle otto commissioni che per 5 anni le hanno convocate sia i componenti che le hanno rese uno strumento attivo e partecipato nel rispondere alle istanze che venivano presentate.
Il mio invito pertanto, tanto per le citazioni quanto per le repliche che ho letto riguardo la recente seduta consiliare cassaghese, è di evitare estrapolazioni mirate per commentare un tema serio come quello della partecipazione popolare. In ultimo non seguendo, onestamente, con puntualità il lavoro dell'amministrazione comunale di Cassago non conosco quante di queste commissioni - oppure altre modalità di partecipazione della cittadinanza - siano state attivate ad oltre un anno dall'insediamento. Ad ogni modo auguro un buon lavoro.
Articoli correlati:
02.10.2020 - Cassago: bocciata la mozione sui membri del giornalino. In risposta citato Fragomeli
Gian Mario Fragomeli
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco