Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.566.347
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 09 ottobre 2020 alle 18:58

Bosisio nel cuore sugli stalli di via Manzoni ancora chiusi

Interpellanza sul parcheggio all'incrocio tra via Manzoni e via Calchirola. L'ha presentata il gruppo di opposizione Bosisio nel Cuore dopo aver chiesto informazioni all'ufficio tecnico comunale. "Se gli uffici ci hanno risposto, e li ringrazio per le precisazioni fornite, ci mancava però la risposta della parte politica" ha chiarito Paolo Gilardi. Da qui, la presentazione del testo che verrà discusso al primo punto del consiglio comunale in programma per martedì 13 ottobre. "Il testo nasce da segnalazioni ricevute da cittadini della zona che ci hanno chiesto di interessarci del problema. Lo hanno fatto, in particolare, Gabriele Beccalli, Chiara Sala e Samuele Redaelli".

"Alla fine di agosto a nome del gruppo Bosisio nel Cuore ho scritto all'Amministrazione Comunale, nella persona Sua e del Responsabile dell'Ufficio Tecnico comunale al fine di ricevere chiarimenti circa l'impraticabilità di parte del parcheggio di via Manzoni a causa del fondo sconnesso" ha scritto nell'interpellanza indirizzata all'amministrazione e agli uffici.
Il parcheggio di via Manzoni si trova alle spalle della pensilina del pullman, lungo la strada che porta a Cesana Brianza ed è stato realizzato nel 2017. "Questo parcheggio, da fine luglio, presenta un'evidente sconnessione su buona parte della pavimentazione, realizzata con auto bloccanti. Vorremmo capire quali sono le responsabilità, chi ripristinerà il parcheggio e con quali tempistiche".
Il responsabile dell'ufficio tecnico ha risposto alla richiesta - protocollata il 24 settembre - informando che all'inizio di luglio "a seguito di un sopralluogo si è ritenuto che la sconnessione della pavimentazione fosse stata causata da una perdita dell'impianto fognario e pertanto si è segnalata la problematica a Lario Reti Holding, chiedendo un intervento risolutivo". La società sarebbe quindi intervenuta, effettuando la pulizia dello scolmatore e del tratto di rete fognaria interessata dalla perdita. "Durante un ulteriore sopralluogo, effettuato in data 3.08.2020, si è chiesto a Lario Reti Holding di effettuare una video-ispezione e si è chiesto di concordare un incontro per meglio definire cause e responsabilità" hanno aggiunto dagli uffici comunali.
Risposta non sufficiente per il gruppo di minoranza che ha quindi interpellato l'amministrazione chiedendo se la società è effettivamente intervenuta e se sono stati effettuati gli accertamenti. Altre richieste riguardano il programma di intervento per il ripristino della pavimentazione e la data di riapertura del parcheggio ai cittadini "considerata l'importanza notevolissima del parcheggio per i residenti della zona e la numerosità degli utenti dell'autobus che con la ripresa dell'anno scolastico son tornati alla pensilina regolarmente".

"Abbiamo chiesto al sindaco - ha rilanciato Gilardi - di individuare, nel frattempo, soluzioni alternative visto che il parcheggio è fortemente utilizzato. Chiediamo di individuare soluzioni temporanee per non fare ridurre il numero di parcheggi. L'area è transennata da fine luglio, ma ci chiediamo se anche quella non transennata è sicura, vista la disconnessione del fondo che presenta la parte chiusa".
Domande che troveranno chiarimenti nella risposta che l'amministrazione fornirà in assise la prossima settimana.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco