Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.003.675
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 12 ottobre 2020 alle 14:47

Maresso: incremento del traffico dopo la chiusura per lavori di Via Giotto a Lomagna

La chiusura di un tratto di Via Giotto a Lomagna - all'altezza dell'ex RDB - per consentire lo svolgimento dei lavori di asfaltatura programmati dall'amministrazione comunale sfruttando le risorse economiche concesse da Regione, ha avuto inevitabili ripercussioni sul traffico nel casatese, con particolare riferimento alla frazione di Maresso.


La chiusura della strada in località Orane, da Lomaniga verso Lomagna

Data l'impossibilità di raggiungere la tangenziale est passando da Via Kennedy di Lomaniga (zona clinica Valcurone per procedere poi verso le Orane e in Via Giotto, arrivando al Tricudai), la principale via di accesso per gli utenti della strada che risiedono nel casatese è rappresentata proprio dall'arteria che attraversa la località missagliese (in pieno centro abitato), arrivando in territorio di Lomagna (ancora una volta in località Tricudai, procedendo verso la Lusochimica), per raggiungere da lì Usmate, nella limitrofa provincia monzese. Inevitabile dunque l'aumento di veicoli in transito a Maresso come hanno confermato dall'amministrazione comunale, anche se ad una settimana di distanza dal divieto di circolazione posto in concomitanza con la chiusura di Via Giotto, il bilancio tracciato è meno negativo di quanto si era ipotizzato.



Via Giotto chiusa dopo il ristorante Tricudai


''L'incremento di traffico riguarda i veicoli, escludendo però i mezzi pesanti, che già da tempo non possono transitare da Maresso, come riporta anche la cartellonistica posizionata all'altezza del Tricudai'' ci ha confermato il sindaco Bruno Crippa. ''Abbiamo comunque provveduto a far installare dei divieti di accesso per i camion in corrispondenza dell'uscita dalla tangenziale est, a Usmate''.
Per i mezzi pesanti diretti nel casatese e provenienti dalla tangenziale dunque, l'unica alternativa è rappresentata dalla ex 342 dir con l'invito a dirigersi verso Osnago. Ma, complice probabilmente le inesatte indicazioni nei navigatori installati a bordo dei veicoli o sugli smartphone, capita che qualcuno finisca proprio a Maresso, creando disagi al traffico e appesantendo il traffico in una frazione che già paga un prezzo piuttosto alto in termini di viabilità. Un esempio a questo proposito risale a qualche giorno fa, quando un camion si è incastrato in corrispondenza della rotonda del cimitero, fra Via Milano e Via Cascina Borromeo, creando qualche disagio agli altri mezzi in transito.


Un camion immortalato negli scorsi giorni all'altezza della rotonda del cimitero di Maresso


I cartelli di divieto di transito per i camion verso Maresso

Non resta quindi che attendere la fine dei lavori in programma, salvo imprevisti, sino al 23 ottobre - come previsto dall'ordinanza di chiusura di Via Giotto a firma della polizia locale - affinchè la situazione torni ad essere quella ordinaria. Il cantiere di Lomagna è affidato all'impresa Tuttostrade S.r.l., che aveva proposto un ribasso del 20,11% e che avrà - come da contratto - 42 giorni naturali e continui per concludere l’opera, decorrenti dalla data di consegna dei lavori, duramente contestati dall'opposizione in quanto inizialmente previsti nella convenzione urbanistica del Piano Attuativo denominato ''P.A. Via Giotto'' che riguardava proprio l'area ex RDB.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco