Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.877.907
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 21 ottobre 2020 alle 08:22

Regione: 50.000 euro a Lecco per progetti nati nel lockdown

Regione Lombardia, nell'ambito del bando del terzo settore, finanzierà con un contributo fino a 5.000 euro, interamente a fondo perduto, 315 associazioni di volontariato per iniziative che servono a sostenere attività nate e svolte durante il periodo di lockdown. Ammontano a 50.000 euro le risorse destinate alla provincia di Lecco, per un totale di 10 progetti.
"Sono orgoglioso del supporto che Regione Lombardia garantisce a quelle associazioni e organizzazioni che si sono impegnate e si impegnano concretamente a servizio della collettività" ha commentato l'assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini. "Come è emerso in questo particolare momento storico - ha proseguito - i bisogni delle persone sono tanti, e sono aumentati durante la pandemia e la difficile congiuntura economica che ne è conseguita. Regione Lombardia ha voluto dare un aiuto concreto a molte delle attività che si sono rese necessarie in questi ultimi mesi".
"Quest'anno - ha continuato - abbiamo previsto la possibilità di richiedere il contributo per iniziative svolte durante il periodo Covid. Si tratta di una somma fino a 5.000 euro che permette alle associazioni di portare avanti attività tradizionali o nate durante il lockdown e continuate negli scorsi mesi. Gli esempi sono numerosi, ci sono onlus che hanno svolto percorsi terapeutici a distanza per ragazzi con disabilità, altre hanno fornito supporto telefonico agli anziani, altre ancora hanno attivato servizi di consegna della spesa a domicilio per famiglie o mamme in isolamento, supportato le persone senza fissa dimora durante la pandemia o implementato la didattica a distanza per minori in comunità. E questo solo per citarne alcune".
"Il Terzo Settore - ha concluso l'assessore Bolognini - rappresenta un patrimonio inestimabile per la nostra Regione, basti pensare che sul nostro territorio operano più di 50mila istituzioni no profit, con più di 1 milione di volontari".
"Ricordo inoltre - ha rimarcato - che il 20% dei lombardi finanzia associazioni che si occupano di aspetti sociali, contro il 15% della media nazionale, e che la nostra regione detiene il primato in Italia per il numero di persone sopra i 14 anni che si occupano, gratuitamente e in diversi modi, degli altri. Il nostro compito è quello di contribuire a valorizzare, incentivare e promuovere un modello che è già virtuoso e che costituisce un'eccellenza".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco