Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.880.600
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 22 ottobre 2020 alle 15:23

Nibionno: per gli ex campi da tennis 85mila € dalla Regione

Tra gli 88 progetti finanziati con il bando regionale dedicato alla riqualificazione e l'adeguamento degli impianti sportivi, ne figurano anche 4 in provincia di Lecco per i quali sono state stanziate risorse per 350.334 euro complessivamente.
Merate riceverà 57.588 euro per la riqualificazione pista rotellistica di via Matteotti; Dervio invece, ha ottenuto 108.210 euro per l'intervento relativo a Orza Minore Ssd (blocco aule corsi, uffici, bagni, spogliatoi e deposito attrezzi), mentre Cremeno con 99.023 euro potrà finanziare parte dell'intervento di riqualificazione del centro sportivo in località Pian del Sole. A chiudere il pacchetto, gli 85.513 euro destinati al Comune di Nibionno per la riqualificazione dei campi da tennis, calcetto e polifunzionali di Tabiago.
''Lo sport ha subìto un duro colpo dall'emergenza sanitaria. Anche per questo motivo - ha spiegato l'assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia, Martina Cambiaghi - abbiamo aumentato le risorse passando da 7,5 milioni di euro agli attuali 9,5. Il nostro obiettivo era, infatti, dare una vera e propria iniezione di vitalità per rilanciare tutto il settore anche se l'attuale fase di criticità limita l'attività agonistica e dilettantisica''.
Con l'approvazione della graduatoria infatti, sono stati assegnati, a fondo perduto, 9,5 milioni di euro per la messa a norma dei centri sportivi lombardi.
''Questo ha aggiunto - è solo il primo passo per poter mettere in campo anche nei prossimi anni, importanti strumenti di aiuto diretto ai Comuni e alle realtà sportive, al fine di poter far ripartire con le attività e valorizzare la funzione etica, civile e sociale dello sport''.
Il bando 2020 ha introdotto delle novità, soprattutto per i beneficiari. Innanzitutto era aperto non solo ai Comuni ma a tutti gli enti pubblici, proprietari e gestori di impianti. A questi si aggiungono poi i soggetti privati concessionari di impianti che nel loro statuto hanno finalità sportive, ricreative e motorie.
Due le linee di finanziamento concesse: la prima è stata dedicata all'emergenza Covid-19. Hanno ricevuto i contributi due società sportive (una Società sportiva dilettantistica e una Polisportiva) e il Comune di Zogno. La seconda linea di finanziamento vede invece altri 85 progetti finanziati. Di questi 15 sono di società sportive e 70 delle Amministrazioni comunali, fra le quali appunto, i 4 progetti lecchesi citati.

Di seguito il numero dei progetti approvati per provincia con i contributi regionali assegnati.
Bergamo: 9 progetti - 1.204.508 euro.
Brescia: 11 progetti - 1.294.916 euro.  
Como: 5 progetti - 626.269 euro.
Cremona: 4 progetti - 347.508 euro.
Lecco: 4 progetti - 350.334 euro.
Lodi: 2 progetti - 223.197 euro.
Mantova: 6 progetti - 439.801 euro.
Milano: 20 progetti - 2.270.577 euro.
Monza e Brianza: 7 progetti - 910.679 euro;
Pavia: 6 progetti - 573.530 euro.
Sondrio: 3 progetti - 193.060 euro.
Varese: 8 progetti - 983.195 euro.

''Questo bando - ha continuato l'assessore - vuole rappresentare un punto di svolta importante per il futuro dello sport lombardo. Vuole essere cioè un momento di ripartenza per continuare ad essere un riferimento del settore sportivo. L'obiettivo - ha sottolineato - è tornare ad essere la regione più sportiva d'Europa. Il bando 2020 ha riscosso un importante successo di partecipazione. Da un lato - ha precisato - Comuni e amministrazioni locali hanno voluto cogliere un'importante opportunità per migliorare la qualità della vita dei cittadini lombardi.  Dall'altro, invece - ha concluso Martina Cambiaghi - l'apertura ai concessionari degli impianti sportivi ha sicuramente permesso un allargamento della platea dei possibili interlocutori''.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco