Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 292.017.748
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 25 ottobre 2020 alle 20:24

Prendo le distanze da un Governo che non sta con la sua gente

Prendo fermamente, come ho sempre fatto ma oggi ancora di più, le distanze da questo governo e dai provvedimenti emessi in questi ultimi sei mesi.
Sono senatore della Repubblica. Anche se di minoranza.

E rappresento come tale una fetta di italiani che mi hanno onorato con il loro voto.
Davanti a tanta inefficienza  ed incapacità resto io stessa senza parole!!
Come cittadina!
Come tutti voi che siete i diretti interessati da questi sciagurati provvedimenti.

Ci tengo a sottolineare la totale mancanza di ascolto da parte del premier Conte e del suo esecutivo!

Il risultato è sotto gli occhi di tutti!!
Primo: hanno perso tanto tempo!!.
Anziché organizzare scuola/trasporto/assistenza sanitaria, in vista di una seconda ondata covid, preannunciata da mesi e pure dai loro stessi consulenti, hanno preferito comprare ridicoli banchi a rotelle (tra l’altro non tutti ancora  consegnati) e riempire le città di monopattini, che quotidianamente sono abbandonati in ogni luogo e neppure sanificati.

Hanno lasciato le imprese (di qualsiasi tipo) ad attendere i contributi promessi e mai arrivati, hanno ignorato le libere professioni, hanno lasciato soli i comuni e ridicolizzato la scuola!
I medici e gli infermieri, portati agli onori delle cronache, ancora oggi non sono supportati adeguatamente.
100 miliardi messi in campo che hanno creato ulteriore deficit e nessun sollievo concreto.

Ed ora con il microfono in mano il premier conte  richiama gli italiani alla resistenza!
Vergogna!

Io sono un senatore di minoranza
inascoltata come tanti altri colleghi!
Ma gli italiani devono saperlo questo!
Perché l’emergenza sanitaria è come una guerra!

E questo governo non ha fatto “quadrato" attorno al suo popolo!
Non ha tenuto in considerazione i “suggerimenti di buon senso" anche se della minoranza!

Non ha difeso "la sua gente" in affanno, spaventata, esasperata.
Questo governo ha tirato dritto senza preoccuparsi delle richieste di aiuto che arrivavano e arrivano quotidianamente da ogni parte d’Italia!
Io continuerò a battermi per voi... Con voi...

E che Dio mi dia anche solo una possibilità di esservi utile seriamente!!
Vi abbraccio
Sen.Antonella Maria Faggi (Lega Salvini Premier)
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco