Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 248.080.782
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 27 ottobre 2020 alle 17:55

Oggionese a giudizio per della droga rinvenuta in casa

Carabinieri e sanitari del 118 erano stati attivati per una lite in famiglia. All'arrivo degli operatori del soccorso - come ricordato da una dipendente di Areu, sentita quest'oggi come testimone in Aula in riferimento a quell'intervento che lei stessa ha ricordato come "particolare" - a chiedere aiuto, in condizioni di alterazione, erano in due: dapprima sulla strada un uomo che poi si sarebbe allontanato, poi una donna - colei che aveva composto il numero unico per le emergenze - che avrebbe fatto entrare i paramedici in un appartamento con la tavola ancora apparecchiata - alle 22 - ma con piatti volati fuori dalle finestre e un inconfondibile odore di marijuana a impregnare l'aria.
Per i fatti di quella sera a processo si trova un oggionese. Ma non per quello che parrebbe essere stato solo l'ultimo diverbio con la sua ex, tornata quella sera nell'alloggio a recuperare i propri effetti personali. Accedendo all'abitazione, infatti, i militari dell'Arma hanno scovato dello stupefacente. Da qui la denuncia a carico dell'uomo e il fascicolo approdato sul tavolo del giudice monocratico Giulia Barazzetta. Il prossimo 19 aprile il proseguio dell'istruttoria.
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco