Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.768.787
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 28 ottobre 2020 alle 15:19

Monticello: si finge carabiniere e mette in atto (con la moglie) una truffa. Condannati

Una truffa che gli ha fruttato una somma tutto sommato modesta, pari a 130 euro, ma che gli è costata molto più caro... a livello penale.
È stato infatti condannato alla pena di un anno di reclusione e al pagamento di una multa di 300 euro, O.R., un 52enne residente in provincia di Bari finito a processo per essersi intascato - insieme alla moglie, M.D., classe 1976 - i soldi versati sulla postepay intestata a quest'ultima da un acquirente con casa a Monticello, che dopo aver notato l'inserzione di vendita di una playstation sul sito subito.it aveva preso contatti con il proprietario, essendo interessato alla console.
Ad aggravare il quadro accusatorio della coppia finita a processo, la condotta assunta durante la trattativa dall'imputato (già gravato da precedenti specifici), che durante una telefonata con il monticellese si sarebbe spacciato per un rispettabile carabiniere in servizio, probabilmente per rendersi più credibile agli occhi dell'interessato acquirente.
Nonostante i soldi versati però, la playstation non è mai giunta a destinazione. Da qui la denuncia sporta nel 2018 dalla vittima e l'apertura di un fascicolo penale a carico dei coniugi pugliesi, oggi condannati dal giudice monocratico del tribunale di Lecco, Nora Lisa Passoni a un anno di reclusione, pena più elevata di quanto chiesto nella sua requisitoria, dal vpo Caterina Scarselli, in aula in rappresentanza della pubblica accusa. Avevano chiesto l'assoluzione e in subordine il minimo della pena, i difensori dei due imputati, gli avvocati Silvia Pirovano e Simone Natale del foro di Lecco.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco