Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.768.557
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 04 novembre 2020 alle 15:34

Festa del 4 novembre: le cerimonie nel Casatese-Oggionese

Sono passati 102 anni dalla fine del primo conflitto che vide protagoniste le più grandi potenze del mondo. Ricorre infatti il 4 novembre l'anniversario del cosiddetto armistizio di Villa Giusti del 1918, che si fa coincidere generalmente con la conclusione della Grande Guerra. In questa data si celebra la giornata dell'Unità Nazionale per l'annessione di Trento e Trieste al Regno d'Italia e la giornata delle Forze Armate, poiché quei giorni del 1918 vennero dedicati - in Italia e in Europa - ai soldati morti in guerra.
Quest'anno le cerimonie nel territorio si sono svolte in maniera sobria e in formato ridotto, in considerazione dell'emergenza Covid. I sindaci tuttavia, non hanno voluto sospendere questo importante momento che fa parte della storia del nostro Paese.

Di seguito la cronaca delle iniziative nel casatese-oggionese:

BARZAGO
E' stato un 4 novembre insolito anche per il Comune di Barzago, dove non è stato possibile organizzare la tradizionale cerimonia aperta al pubblico per via delle restrizioni anti-Covid. Quest'anno, infatti, gli unici a presenziare alla commemorazione dei cittadini deceduti in guerra sono stati i rappresentanti dell'amministrazione comunale e il Gruppo Alpini di Barzago, ritrovatosi uniti al termine della messa, celebrata dal parroco don Giovanni Colombo.

Poco prima delle 10 di questa mattina, quindi, la corona commemorativa d'alloro è stata deposta e benedetta dal parroco sul monumento dedicato ai caduti, di Barzago, mentre la cittadinanza è stata invitata a partecipare a distanza seguendo la diretta in streaming sulla pagina Facebook.

Dopo aver deposto la corona anche in prossimità del monumento degli Alpini, il sindaco Mirko Ceroli ha fatto il proprio discorso commemorativo partendo dalla necessità di ripudiare la guerra e la violenza in qualunque epoca e in qualunque luogo.

"Oggi ci ritroviamo per ricordare tutti coloro che sono scomparsi per difendere la nostra Patria durante la Prima Guerra Mondiale, un momento storico che è bene non dimenticare per non rischiare che il sacrificio e la sofferenza delle sue vittime venga archiviato nella memoria collettiva. Se non capiamo a fondo questo dolore, allora il sangue versato in guerra dai nostri concittadini sarà stato inutile, perché l'unica lezione che ha da insegnare una guerra è proprio quella della sua assurdità e follia. Quindi ecco che il 4 Novembre non deve e non può essere solo un ricordo del passato, ma deve invece essere un progetto per il futuro e per tutti i ragazzi che sono chiamati ad esserne protagonisti. In fondo, onorare la memoria di chi ci ha preceduto è un dovere civico anche in questo 2020 così tormentato. L'amministrazione comunale insieme alla scuola e agli Alpini ha quindi deciso di affidare il compito di rappresentare l'intera cittadinanza in questa giornata alle classi quinte della scuola elementare, e a loro rivolgo il mio appello affinché imparino a vivere senza guerra e ad amare la pace".

La cerimonia di commemorazione è infatti proseguita in sala civica grazie agli alunni di quinta elementare che insieme alle loro maestre hanno organizzato un piccolo spettacolo molto significativo sul tema della Patria, del suo significato e dei suoi valori.

Con dei disegni e dei cartelloni i bambini hanno coinvolto anche i cittadini collegati in diretta nella solennità del momento, lanciando anche un bel messaggio di speranza e fiducia in un futuro il più possibile alleggerito da qualsiasi conflitti e violenza.

GARBAGNATE
Giornata dell'unità nazionale e delle forze armate. Quest'oggi, 4 novembre, si è tenuta la celebrazione, in una modalità più sommessa, senza cortei con le scuole come accadeva negli anni passati. La situazione contingente ha permesso quindi la commemorazione della giornata in forma ristretta, alla presenza soltanto dei rappresentanti delle istituzioni.

Le autorità davanti al cimitero di Garbagnate

Alcuni comuni dell'oggionese, oltre al capofila del territorio, Oggiono, hanno voluto celebrare la festa questa mattina, mentre altri lo hanno programmato per domenica 8 novembre. A Garbagnate Monastero erano presenti il sindaco Mauro Colombo, l'assessore Gigliola Bonacina, il parroco don Massimo Santambrogio, che ha rivolto una preghiera commemorativa, alcuni alpini, un rappresentante della protezione civile sempre del gruppo Ana. Il primo cittadino, dopo aver deposto una corona di alloro al monumenti dei caduti posto all'ingresso del cimitero a Brongio, ha detto: "Nel 1919 i combattenti e i reduci della prima guerra mondiale avviarono il culto della memoria dei commilitoni caduti, costruendo monumenti e apponendo lapidi commemorative. Il 4 novembre assume dunque il significato di commemorazione e riconoscenza per il sacrifico dei propri figli, oltre che un momento di ringraziamento per i militari in servizio, in Italia e nelle missioni internazionali all'estero. Anche l'amministrazione comunale di Garbagnate Monastero si vuole unire al ricordo e al ringraziamento di tutti coloro che si sono spesi per la difesa della patria". Garbagnate, poi, si unirà alla celebrazione programmata dal comune di Molteno per domenica 8 novembre. Qui si terrà, al mattino, la messa alla chiesa dell'oratorio in memoria dei caduti di tutte le guerre e, nel pomeriggio, un momento di commemorazione al monumento dei caduti di Molteno con la deposizione della corona di alloro e l'intervento dei sindaci.

MONTICELLO
Anche Monticello ha celebrato il 4 Novembre con una cerimonia breve, ma pur sempre itinerante.

Monticello

Il sindaco Alessandra Hofmann si è infatti recata davanti ai tre monumenti che ricordano il sacrificio dei caduti per la nostra patria. A cominciare dal capoluogo dove - oltre alla prima cittadina accompagnata dall'assessore Roberto De Simone e dalla Polizia locale - c'erano i rappresentanti dell'associazione nazionale carabinieri, mentre il parroco don Marco Crippa ha benedetto la lapide, invitando i presenti ad un momento di preghiera.

Torrevilla

A seguire la cerimonia si è spostata a Torrevilla, alla presenza degli Alpini: c'era infatti il locale capogruppo Andrea Giulio Penati, mentre la cerimonia di Cortenuova ha visto l'intervento di Francesco Limonta, ''guida'' delle penne nere monticellesi e del parroco don Valentino Agostoni.

Cortenuova

''L'Unità Nazionale in questo momento storico acquisisce un significato ancora più forte'' le parole del sindaco Alessandra Hofmann, che ha esortato all'unità, con un pensiero particolare rivolto alle forze dell'ordine e ai sanitari, più che mai coinvolti nell'emergenza sanitaria in atto. ''Sono sempre vicini a noi e ad ogni nostra richiesta, per gestire al meglio questo momento. Grazie davvero di cuore''.

ROGENO
Festa dell'unità nazionale e delle forze armate in forma ristretta e senza colori, portati dai bambini che partecipavano attivamente alla commemorazione. A Rogeno, dove la festa è sempre stata vissuta con i bambini degli ultimi due anni della scuola primaria Regina Teodolinda in un bellissimo corteo presso i due monumenti del paese, questa mattina, mercoledì 4 novembre, a causa delle restrizioni del Covid-19, hanno presenziato solo i rappresentanti delle istituzioni.

Il sindaco Matteo Redaelli ha ricordato che "oggi nonostante la situazione che viviamo non possiamo non fermarci a ripercorrere i fatti storici che hanno portato all'inizio e allo strazio della guerra, alla dedizione dei soldati in guerra, alle vittime, troppe, anche civili, innocenti e alla fine della guerra. Uniti con il presidente della repubblica all'altare della patria noi portiamo in nostri omaggi ai rogenesi caduti e dispersi". La cerimonia ha assunto quindi un'altra forma. Davanti ai monumenti di Rogeno e Casletto erano presenti soltanto il primo cittadino, in rappresentanza della comunità, il parroco don Gianni dell'Oro, oltre ad alcuni componenti del gruppo di protezione civile.

"Oggi ci è chiesta una partecipazione diversa, perché la nostra guerra non si ferma - ha aggiunto Redaelli, concentrandosi sull'attuale situazione pandemica - Oggi contiamo 10 positivi e quasi il doppio in quarantena ma in costante aumento. Fortunatamente molti malati sono nelle condizioni di poter rimanere a casa ma ormai la situazione, inutile nasconderlo, sta diventando critica. Colgo ancora una volta l'occasione per appellarmi alla vostra responsabilità. Ogni decisione e restrizione che viene imposta è nell'ottica del bene comune. A noi sta la responsabilità di rispettarle e prendere ogni precauzione per evitare il contagio. Ne va della nostra salute, della nostra incolumità e di quella di tutti".

Poi, il pensiero finale: "Oggi poi nel ricordare tutte le vittime della guerra ricordiamo anche tutti i defunti a causa del Covid e tutti coloro che si spendono per noi, per aiutarci, proteggerci e salvarci dalla pandemia. La nostra guerra non è ancora finita, teniamo alta la guardia, rispettiamo ognuno la salute dell'altro e quindi rispettiamo scrupolosamente tutte le disposizioni con tutte le relative precauzioni del caso. Insieme ne usciremo, viva l'Italia unita e viva le forze armate".

SIRTORI
Le celebrazioni del 4 novembre hanno coinvolto in prima persona gli alunni della quinta elementare anche a Sirtori, dove i bambini si sono ritrovati in piazza insieme alle autorità in rappresentanza di tutta la scuola primaria. Per quest'anno la cerimonia si è però svolta in forma ridotta ma comunque solenne per ricordare i circa settecentomila italiani delle forze armate che persero la vita combattendo durante la Grande Guerra per la difesa della propria Patria e dei suoi valori.

 

La mattinata è iniziata in piazza con il ritrovo dell'amministrazione comunale, del Gruppo Alpini e della classe quinta, tutti riunitosi per ascoltare il tradizionale discorso del sindaco, Davide Maggioni, il quale ha innanzitutto ringraziato gli alunni, le insegnanti, don Aurelio, i rappresentanti delle associazioni e i dipendenti del Comune per essere stati presenti. "Forse quest'anno più di altri siamo riusciti a renderci conto di cosa sia la libertà, quando ce la siamo vista togliere, a marzo, e non è stato più possibile uscire per andare a scuola o a mangiare una pizza, andare trovare i nonni o gli amici, giocare a pallone o andare al cinema, uscire per una passeggiata o una corsa" ha quindi commentato il primo cittadino.

"E' stato sicuramente un grande sacrificio per tutti e anche sapendo che ogni minuto passato lontano dagli altri è servito a tutelarli, è stato comunque un periodo non facile. Oggi, purtroppo ci troviamo alla vigilia di tempi ugualmente difficili, un altro periodo probabilmente lungo dove dovremo rinunciare a tante esperienze, momenti, attività. La speranza è che, rispetto alla scorsa primavera, non tutto sia costretto a fermarsi, prima di tutto la scuola. Auspico che voi ragazzi riuniti oggi sarete in grado di apprezzare il tempo trascorso in classe, per quanto possa essere faticoso l'impiego della mascherina ad ogni spostamento e che riusciate a capire quale fortuna sia poter ricevere un'istruzione, che vi guiderà quando sarete cresciuti. Un'istruzione che al contrario i nostri soldati, rappresentati dai monumenti, non hanno potuto avere o mettere in pratica, dando però la possibilità a noi di vivere un futuro migliore in un Paese libero. Ricordiamoci che, come dice l'articolo 4 della nostra Costituzione: "Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società". Ricordiamoci inoltre che, anche in questi mesi che verranno, il nostro futuro dipenderà dal nostro impegno quotidiano. Viva l'Italia".

Al termine dell'intervento del sindaco, si è svolta la deposizione delle corone presso il monumento dei caduti, in segno di rispetto e gratitudine. Infine, i ragazzi di quinta hanno recitato una poesia dedicata agli Alpini e ne hanno cantato l'inno, a cui è seguito come atto conclusivo della cerimonia l'inno nazionale italiano.


SUELLO
Deposizione dei fiori al monumento dei caduti senza cerimonia. Ha scelto questa modalità il comune di Suello per commemorare la giornata dell'unità nazionale e delle forze armate: quella odierna, mercoledì 4 novembre, una forma assolutamente ristretta, alla presenza solo del sindaco Giacomo Valsecchi in rappresentanza di tutti i cittadini e del parroco don Francesco Grasselli che si è unito per la preghiera.

"La commemorazione del 4 novembre assume quest'anno un'importanza particolare, perché ci sprona a considerare le difficoltà e le sfide che siamo stati chiamati ad affrontare in questi mesi, e specialmente adesso, alla luce del passato della nostra Nazione - ha riflettuto il sindaco, ricordando che la storia passata ha avuto momenti meno allegri - Non si tratta solo di rivolgersi al passato " in cerca di punti di riferimento per andare avanti" ma anche di ricordare che nella nostra storia tanti sono stati i momenti bui, in cui il sacrificio di migliaia di giovani al fronte, la miseria e la paura tra i civili, l'incertezza del futuro hanno messo a dura prova la società e le istituzioni politiche e spronato tutti a dare il meglio, per superare la tempesta della guerra e ricostruire il tessuto sociale e politico nella pace".
Poi, il riferimento ai fatti odierni, con l'invito ad avere una guida in questo momento particolarmente difficile: "Oggi abbiamo bisogno come allora che la politica, i partiti con i loro dirigenti, gli uomini che ci rappresentano nelle istituzioni repubblicane italiane ed in quelle europee, esercitino il proprio ruolo di guida con coraggio e competenza per affrontare i problemi e proporre soluzioni adeguate, riacquistando così la fiducia popolare. Sono convinto, come sindaco e come cittadino, che anche ognuno di noi possa dare segnali positivi di rinnovamento e di fiducia, incoraggiando e sostenendo tutte le iniziative e le proposte chiaramente orientate a conservare e incrementare in modo stabile il bene comune, i valori collettivi condivisi, espressi in modo sempre attuale dalla nostra Costituzione".

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco