Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.563.541
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 15 novembre 2020 alle 17:26

MotoGP: trionfa Mir e il team Suzuki del casatese Brivio

Parla anche un po' casatese la storica vittoria del MotoGP di questo pomeriggio. Il nuovo campione del mondo è Joan Mir; 23 anni, già campione in Moto3 nel 2017, lo spagnolo è stato il più continuo in un'annata condizionata dalla pandemia di Coronavirus e dal k.o. del veterano Marc Marquez, il cui infortunio ha di fatto segnato l'evoluzione del motomondiale.

Davide Brivio con Joan Mir

Una gioia anche per l'Italia e per il numero uno del team Suzuki, Davide Brivio. Originario di Casatenovo - anzi, di Galgiana per la precisione - il manager sportivo torna sul tetto del mondo con un suo pilota. Mir ha sovvertito anche le gerarchie interne contro Alex Rins, riuscendo a centrare un obiettivo che sembrava impossibile fino a un anno fa: riportare in auge la casa di Hamamatsu.
Un binomio vincente quello fra il 23enne e Suzuki, che si sono stretti in un gruppo solido e unito, in cui gli individualismi hanno lasciato spazio allo sviluppo di una moto mai come quest'anno affidabile e continua.

A fare la differenza sono stati due piloti diventati "top rider" per stessa ammissione del loro team manager, Davide Brivio. Anche lui è il vincitore di questa strana stagione. Il casatese, dopo 19 anni in Yamaha con gli anni indimenticabili al fianco di Valentino Rossi, ha riscritto le pagine della sua carriera e soprattutto quelle di Suzuki, tornata in vetta vent'anni dopo la vittoria di Kenny Roberts Junior, con il settimo titolo iridato nella storia della scuderia giapponese.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco