Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 255.375.283
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 23 novembre 2020 alle 14:02

I sindacati: denunce per violenza a Lecco in aumento del 50%, ricordati #NonSeiSola

Quest’anno più che mai la giornata del 25 Novembre merita un’attenzione particolare. La pandemia da Covid-19 ha reso ancora più fragile la condizione delle donne del nostro Paese.
È per questa ragione che Cgil Lecco, Cisl Monza Brianza Lecco, Uil del Lario, Spi Cgil Lecco, Fnp Monza Brianna Lecco e Uilp del Lario hanno deciso di promuovere la campagna #NonSeiSola, dove insieme agli operatori e alle istituzioni del territorio di Lecco, attraverso video pillole informative, viene illustrato il percorso che si affronta quando si denuncia una violenza subita e quali aiuti concreti offre il territorio.
Nel Paese le telefonate al numero 1522 anti violenza sono cresciute del 73%, il 30,7% delle donne continua a chiedere aiuto per violenza e per stalking, una donna su due teme per la propria incolumità. A Lecco, secondo la Questura, nel 2020 rispetto al 2019 sono aumentate del 50% le denunce per violenza e del 25% per atti persecutori, registrando 30 nuovi casi di maltrattamento in famiglia e 10 casi di atti persecutori. La violenza è in aumento anche nei confronti degli anziani, in modo particolare per chi vive in situazioni di elevata vulnerabilità perché bisognoso di assistenza. Abusi e maltrattamenti subiti in strutture socio-sanitarie ma anche in ambito domestico e famigliare, dove i rapporti dovrebbero essere all’insegna della fiducia e del rispetto.
La pandemia ha avuto un forte impatto anche sul lavoro: l’occupazione femminile è stata duramente colpita sia perché i settori maggiormente coinvolti sono a forte predominanza di occupazione femminile sia in termini di ore contrattuali con un aumento del fenomeno del part- time imposto. Già prima dell’esplosione dell’emergenza Covid-19, il tasso di occupazione delle donne nel nostro Paese era molto più basso rispetto a quello degli uomini (50% contro 68%), con una differenza più ampia all’aumentare del numero di figli. Un terno delle donne lavora part-time (contro l’8,7 per cento degli uomini), mentre il 13,7% ha contratti a tempo determinato.
Con la pandemia l’autonomia delle donne è diventata ancora più fragile, aumentando la dipendenza economica dal partner e dalle famiglie. A questo dobbiamo aggiungere i mesi di forzata convivenza dovuta alle limitazioni imposte dalle autorità, che hanno reso ancor più tesi i rapporti con eventuali partner violenti e ancor più difficile l’intraprendere percorsi di  denuncia delle violenze subite.
Per sensibilizzare la cittadinanza su questi temi e far conoscere l’iniziativa a tutte le città, già partire dalla sera di martedì 24 novembre, fino al mattino di giovedì 26, sulla sede Cgil e Cisl di via Besonda a Lecco un faro rosso illuminerà i cieli della città e l’intero palazzo si tingerà di rosso, colore simbolo della lotta alla violenza sulle donne ma anche dell'energia che vive dentro ciascuna di noi. Sulla sede Uil di corso Martiri sventolerà invece uno striscione con l’hashtag dell’iniziativa: #NonSeiSola.
.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco