Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.941.648
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 23 novembre 2020 alle 19:31

Cassago: nuovo regolamento più meritocratico per le borse di studio

L'amministrazione comunale di Cassago ha deciso di svincolare l'assegnazione delle borse di studio dall'ISEE, rendendole così più meritocratiche. Inoltre, oltre che dalla scuola statale, i ragazzi che ne fanno richiesta possono provenire anche da una paritaria o da una privata. È stato deciso nella seduta del consiglio comunale del 20 novembre. Oltre alle modifiche sopra citate è anche stato parificato l'importo attribuito ai laureati di primo livello, secondo livello e del vecchio ordinamento. Decisione dell'amministrazione anche quella di aprire ai privati la possibilità di poter assegnare una borsa di studio a una certa fascia piuttosto che a un'altra.
L'assessore all'istruzione Cristian Serra ha argomentato la decisione assunta. "Riteniamo che sia molto importante riconoscere il merito dai ragazzi. La nostra decisione vuole essere uno stimolo perché puntino sempre all'eccellenza".
La minoranza di Insieme Cassago, guidata da Rosaura Fumagalli, ha chiesto una mozione per prevedere una modifica che riguardasse delle fasce di reddito, in modo che la borsa di studio potesse aumentare al diminuire del reddito familiare. "Non discuto il merito dei ragazzi, ma vorrei che in questo periodo di difficoltà economica ci sia maggiore sensibilità rispetto alle famiglie più in difficoltà".
Il sindaco Roberta Marabese ha spiegato che la borsa di studio non è la dote scuola: "Ci saranno altri interventi a supporto delle famiglie che stiamo elaborando, mentre vogliamo gestire la borsa di studio a livello meritocratico".
Si è aggiunto alla voce dei contrari anche il capogruppo di Progetto Cassago Democratica, Sergio Pini, che ha spiegato come la questione divida da sempre gli schieramenti politici. "La destra vuole premiare il merito in valore assoluto, mentre la sinistra cerca di premiare il valore assoluto tenendo in considerazione anche la condizione socioeconomica della famiglia. Ritengo che in un momento così, in un'epoca in cui sentiamo dire che le disuguaglianze si allargano sempre di più non prestare attenzione a chi è più in difficoltà è una scelta un po' alla Trump".
Il nuovo regolamento presentato ha registrato l'approvazione della maggioranza e la contrarietà delle minoranze.
M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco