Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 256.989.521
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 25 novembre 2020 alle 16:47

Sirtori: il sindaco spiega il bonus facciate e chi può farne richiesta

Print Friendly and PDF Bookmark and Share
Il sindaco Davide Maggioni
Un tema che sentiamo rimbalzare su tutti i media è stato affrontato dal consiglio comunale di Sirtori. Infatti, una delibera esplicativa si è resa necessaria per permettere ai cittadini di interpretare adeguatamente la legge che include il bonus facciate. Quest’ultimo prevede un rimborso del 90% in dieci anni ai cittadini che vogliono sistemare la loro facciata sita sulla pubblica via e su quella adiacente. Tuttavia, si sono presentate delle difficoltà soprattutto per il comune di Sirtori, perché nella legge si fa riferimento a una legge del ‘68, anno in cui il territorio di Sirtori era molto diverso da quello attuale, avendo iniziato la sua espansione edilizia tra gli anni ’70 e ’80.
I tecnici e gli amministratori di Sirtori hanno valutato quali fossero le zone consolidate sul territorio comunale, e quindi quelle che potessero essere considerare aree su cui il cittadino può intervenire con il bonus. Considerando il piano governativo del territorio, l’amministrazione ha valutato come aree consolidate urbane le aree B e B1, quindi tutta la parte di Sirtori edificata che ad oggi ha 30 anni dalla sua costruzione. “Diamo la possibilità di fare questi lavori di miglioramento del decoro urbano, che anche a Sirtori sarebbe buono portare avanti. Naturalmente si tratta di un intervento non obbligatorio”, ha precisato il Sindaco Maggioni. La spiegazione avviene a seguito di ulteriori chiarimenti arrivati dall’Agenzia delle Entrate e dal Ministero dei Beni Culturali che, tuttavia, non erano stati esaustivi. 
M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco