Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.852.467
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 01 dicembre 2020 alle 18:44

Oggiono: in Aula variazioni di bilancio, le minoranze contrarie all'addizionale Irpef

Durante la seduta di lunedì 30 novembre i consiglieri comunali hanno affrontato alcune variazioni di Bilancio che sono state predisposte dalla giunta nelle scorse settimane. Ad introdurle all'aula è stato l'assessore alle Finanze Nadia Crippa. Fra gli investimenti previsti spiccano 70mila euro destinati all'adeguamento degli impianti antincendio scolastici. Le variazioni economiche sono state approvate in un clima sostanzialmente collaborativo fra i gruppi consiliari. Al parere favorevole della maggioranza ha fatto seguito quello altrettanto positivo della minoranza di "Per Oggiono". Ferdinando Ceresa - del gruppo consiliare della Lega - ha espresso un voto di astensione, esprimendo comunque consapevolezza per le ripercussioni che la particolare situazione di emergenza ha avuto sul Bilancio e le conseguenti difficoltà nel compiere le scelte corrette per fronteggiare la crisi.
L'approvazione delle aliquote comunali Irpef per l'anno 2021 ha invece visto maggioranza e minoranza tornare a confrontarsi con opinioni differenti.

L'assessore al bilancio Nadia Crippa

L'Amministrazione comunale ha scelto di mantenere invariate le aliquote già applicate quest'anno. «Avremmo voluto - ha spiegato Nadia Crippa - fare di più ma, quest'anno non è stato possibile». Nelle intenzioni della maggioranza vi era la volontà di aumentare la soglia di esenzione per i redditi inferiori e rimodulare le aliquote.
Il consigliere Ceresa ha invece chiesto un intervento più sostanziale in grado di «aiutare le fasce di reddito fino a 55mila euro» da lui considerate le «più colpite» dalla crisi legata alla pandemia. «Parificarle - ha spiegato Ceresa - all'aliquota ridotta sarebbe stato un segnale di grande attenzione».
Un'ipotesi giudicata non possibile da Nadia Crippa. L'assessore al Bilancio ha chiarito quelle che sarebbero state le conseguenze di questa manovra: «Avrebbe comportato un calo del gettito che avrebbe portato ad un taglio delle spese e quindi alla riduzione dei servizi». Nelle intenzioni dell'Amministrazione vi sarebbe quindi un modo diverso di procedere: «garantire lo stesso livello di servizi [...] e, con risorse in arrivo dalla regione e dallo stato, erogare contributi a soggetti in difficoltà».
Perplessità sulle tariffe introdotte quest'anno e confermate per il 2021, sono state espresse anche dal consigliere Lamberto Lietti. «Questo criterio - ha spiegato il capogruppo di "Per Oggiono" - non ha portato delle grosse differenze in aumento sul gettito, quindi forse almeno quest'anno si sarebbe potuto tornare alla situazione precedente [2019]».

Il consigliere di minoranza Lamberto Lietti

Chiarimenti sulle misure di supporto alle famiglie sono giunte dal vicesindaco - con delega alle Politiche Sociali - Michele Negri. «Le misure - ha spiegato - non saranno solo risorse destinate alla spesa alimentare ma, anche alle spese fisse come bollette e spese di affitto». Il vicesindaco ha poi precisato: «Stiamo lavorando per "agganciare" anche quella fascia di cittadini che ha avuto problemi con l'emergenza e la chiusura temporanee delle attività commerciali. Le difficoltà colpiscono diverse fasce di cittadini, anche coloro che non sono abituati ad accedere a queste misure dei servizi sociali».
Nelle intenzioni della giunta vi è la volontà di «investire in maniera più efficace le risorse e aiutare in maniera più rilevante quelle persone che si trovano in difficoltà importante [...] allargando il più possibile la platea di chi potrà beneficare gli interventi di aiuto» come ha precisato nel suo intervento il vicesindaco.
Di fronte all'intervento della maggioranza, Ceresa ha confermato la sua differente visione del problema. «Aiutare - ha spiegato il consigliere del carroccio - è qualcosa di diverso da chi ha una situazione di crisi. I liberi professionisti sono in una situazione di disagio più alta rispetto a quelle palesata delle dichiarazioni dei redditi». Ceresa ha poi dichiarato, relativamente alla reperibilità delle risorse necessarie a rimodulare l'Irpef: «nelle variazioni di Bilancio ci sono almeno 50mila euro di spese che erano rimandabili» precisando inoltre «non ho mai chiesto di ridurre i servizi».
I due gruppi di minoranza hanno quindi espresso un voto contrario di fronte alle aliquote Irpef che sono state approvate dalla sola maggioranza. Lo stesso voto contrario dai banchi dell'opposizione è giunto di fronte all'approvazione del Bilancio consolidato relativo all'anno 2019. Nella parte contabile documento - come ha spiegato l'assessore Crippa - non è stata inserita «tutta la perdita» di Retesalute che potrebbe essere ripianata al comune ma, solo la quota relativa all'esercizio 2019, anno in cui la Città di Oggiono è entrata a far parte della società.

L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco