Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.849.705
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 02 dicembre 2020 alle 08:24

Bulciago: tra car pooling e mensa, l’assessore Puricelli fa il punto sulla scuola e i suoi costi

Non è stato un anno facile per nessuno, ma soprattutto per gli studenti che sono stati costretti alla didattica a distanza e che cominciano a soffrire di questa situazione. Lo ha affermato il vicesindaco e assessore all'istruzione e alla cultura di Bulciago, Raffaella Puricelli, durante il consiglio comunale del 30 novembre.
"I ragazzi non vedono l'ora di tornare a vivere la normalità dei progetti istruttivi, educativi, sociali e di aggregazione", ha esordito l'assessore Puricelli.
Causa coronavirus, anche la programmazione scolastica si è resa complessa, dal momento che durante l'estate appena passata gli attori coinvolti - amministrazioni limitrofe e dirigente scolastico - si sono trovati per capire se la scuola sarebbe potuta ripartire in presenza o meno.

L'assessore e vicesindaco Raffaella Puricelli

Le scuole afferenti al comune di Bulciago sono la scuola dell'infanzia - privata, ma che ha delle convenzioni attive con il comune - la primaria e la secondaria di primo grado di Costa Masnaga. Il distanziamento sociale ha costretto amministratori e tecnici a elaborare un piano per il trasporto scolastico rispettoso delle regole di distanziamento.
Per la scuola primaria è stato attivato un servizio sperimentale di car pooling, oltre al potenziamento del piedibus. Queste decisioni hanno permesso di eliminare il trasporto pullman per le elementari. Allo stesso modo, sono stati attivati percorsi di car pooling anche per la secondaria di primo grado, ma con l'allentarsi delle normative relative al trasporto e dietro a una forte richiesta dei genitori si è attivata comunque la linea di trasporto pullman per le medie di Costa Masnaga. Anche il servizio pomeridiano della primaria è andato incontro a diversi cambiamenti negli ultimi mesi. Se in un primo momento il servizio non era stato garantito a causa dell'assenza di personale scolastico, successivamente l'organizzazione è riuscita a garantirlo il lunedì, il martedì e il giovedì. Insieme ad esso, naturalmente è stata riattivata la mensa. In un primo momento garantita all'interno delle aule con pasti confezionati monouso, che però avrebbero portato a 7-8 euro il pasto giornaliero, poco prima dell'inizio del servizio amministrazione e tecnici sono riusciti invece a garantire la mensa con un doppio turno, grazie alla collaborazione di ragazzi bulciaghesi che vigilano sul distanziamento tra i bambini.
"In questo modo il costo del pasto è rimasto uguale a quello dello scorso anno. Su questo punto vogliamo comunque intervenire e per questo motivo verrà deliberato un atto di giunta in cui sconteremo un costo alle famiglie i cui bambini che sono iscritti al servizio, che al momento sono circa 80" ha aggiunto l'assessore.
La progettualità della primaria è stata chiusa e definita lo scorso venerdì 27 novembre, a seguito di una comunicazione da parte del dirigente scolastico. Nonostante l'incertezza dei prossimi mesi, l'amministrazione comunale finanzierà lo sportello psicologico, per bambini e genitori sia della primaria che della secondaria. Verrà finanziato anche il "Progetto Porcospini", nato nel 2014, e dedicato quest'anno alle classi quarte, è un progetto sul conoscere e riconoscere la propria identità, il rapporto con il prossimo e la sessualità.
L'amministrazione ha voluto stanziare 15 mila euro a favore della scuola dell'infanzia per riconoscere lo sforzo e l'impegno delle insegnanti e di tutta la scuola anche nell'arginare il covid-19. La loro premura ha infatti permesso di non registrare alcun caso di coronavirus al suo interno. In conclusione, il vicensindaco Puricelli ha sottolineato anche la riduzione delle spese a favore delle attività culturali e natalizie. "Sarà un Natale diverso dal solito, lo si celebrerà in maniera più sommessa con l'auspicio che tutti possano stare bene".
M.Bis.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco