Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 272.566.179
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 02 dicembre 2020 alle 09:12

Dolzago: in assise dibattito su Silea. Illustrati gli investimenti

Dopo la lettura e l’approvazione dei verbali delle sedute del 28 settembre e del 13 ottobre, che ha visto contrari gli esponenti della minoranza, il consiglio comunale di Dolzago, riunitosi in sessione straordinaria il 30 novembre, ha discusso in merito all’approvazione della modifica dello statuto di Silea Spa relativamente all’ampliamento dell’oggetto sociale.
“Come già annunciato nell’assemblea dei soci di Silea si sono rese necessarie alcune modifiche allo statuto, alcune in relazione a sopraggiunte variazioni normative, altre, delle quali si propone l’approvazione al consiglio di questa sera, volte a specificare meglio quale sia l’obiettivo dell’azienda ed i servizi erogati dalla stessa. L’azienda, oltre ad altre modifiche, propone una serie di servizi ai comuni soci della società stessa che spaziano dalla cura del verde alla gestione in prospettiva di campagne informative volte a promuovere la riduzione della produzione dei rifiuti e i processi di economia circolare. È prevista, inoltre, la realizzazione di studi sulla tematica gestione rifiuti e dell’energia, ma soprattutto, particolarmente funzionale nel nostro caso, la gestione del processo di tariffazione e dell’invio dei ruoli Tari ai contribuenti” ha spiegato il sindaco.


Un altro punto importante della modifica, per il quale è stata già sottoscritta una convenzione, è la gestione dei centri del riuso. “La gestione dei centri del riuso passa, dunque, in controllo a Silea. Il comune versa una quota annuale, che nel nostro caso ammonterebbe a euro 4.000 euro, necessaria a fronteggiare le spese di adeguamento e manutenzione che dovessero essere necessarie nel corso degli anni” ha spiegato, sottolineando che, in quest’ultimo periodo, sono già stati fatti degli adeguamenti al centro di raccolta ma ne sono necessari di ulteriori per quanto riguarda la cartellonistica e gli scarichi delle acque. “Formalizzeremo inoltre, quando ci sarà la possibilità, la richiesta di introduzione di pratiche migliori rispetto alla differenziazione dei materiali”.


In relazione alla modifica dell’art 2 dello statuto circa l’eliminazione della previsione “il tutto per promuovere lo sviluppo sociale, economico e civile del territorio”, inserito al termine dell’elenco delle attività della società, si è espresso, con parere sfavorevole, il consigliere di minoranza Luigi Aglioni. “Vorrei che la frase indicata all’art 2 rimanga in essere. Faccio presente che la società Silea, rimuovendo quella frase, andrebbe contro sé stessa perché non sarebbe più impegnata ad operare per lo sviluppo sociale. Potrebbe sembrare una banalità ma il cambio di statuto di una società spa è una cosa molto importante” ha sottolineato il consigliere manifestando il proprio parere sfavorevole alla variazione.


“Credo che la promozione dello sviluppo sociale, economico e civile della società venga comunque esplicitato con gli scopi sociali che essa stessa si prefigge per i comuni del territorio. Le decisioni vengono prese in assemblea dei soci quindi i comuni hanno la possibilità di mantenere il controllo su quanto previsto e sarà mia premura, eventualmente, manifestare un dissenso” ha risposto il sindaco, manifestando il parere di tutta la maggioranza.
È stata successivamente approvata, all’unanimità della maggioranza, la variazione al bilancio di previsione 2020-21-22. “Le principali variazioni riguardano maggiori o nuove entrate correnti del valore di 3.230 euro per la Tari, 7.656 euro per le funzioni fondamentali, 13.600 euro di trasferimenti dal Ministero per le misure urgenti di solidarietà alimentare causa Covid e 18.896 euro provenienti dalla regione per il diritto allo studio che abbiamo deciso di ripartire tra scuola dell’infanzia e i nidi presenti sul territorio a seconda del numero di iscritti dolzaghesi presenti nelle strutture” ha spiegato il sindaco.


Tra le nuove spese correnti rientrano 340 euro per la manutenzione dell’ascensore della scuola primaria, 4.200 euro per l’erogazione delle borse di studio agli alunni meritevoli richiedenti, 1.130 euro per l’acquisto del nuovo apparecchio taglia erba del centro sportivo e 2.000 euro di adeguamento degli strumenti urbanistici. “Tra le minori spese correnti rientrano gli eventi e le attività che non siamo riusciti a realizzare in questo periodo di emergenza, tra cui il periodico istituzionale. Sono stati adeguati, inoltre, i contributi alle associazioni, che non avendo potuto svolgere le attività non ne hanno fatto richiesta”.
Tra le maggiori nuove entrare in conto capitale sono previsti 50.000 euro di contributo dallo stato per la riqualificazione energetica e 60.000 euro di contributo regionale per gli interventi volti a migliorare la sicurezza stradale e la viabilità.
“Parteciperemo ad un bando regionale che riguarda la riqualificazione degli attraversamenti, magari con delle illuminazioni particolari, e stiamo valutando il posizionamento di eventuali dissuasori di velocità. In previsione, dunque, tra le maggiori spese in conto capitale rientrano 60.000 per questi interventi di miglioramento della sicurezza stradale e della viabilità” ha aggiunto. E’ prevista una manutenzione straordinaria alla sala civica Palatucci, un ulteriore sul cancello dell’area Bonomelli e sono stati stanziati 18.485 euro per l’acquisito di attrezzature e giochi per i parchi pubblici.


In conclusione è stato presentato il documento unico di programmazione 2021-2023. “Questo documento, dal punto di vista strettamente pratico, ricalca il documento precedentemente presentato. In questo periodo non sono stati possibili infatti grandi stravolgimenti perché, al di là delle opere che vengono fatte per utilizzare i finanziamenti regionali e statali e fronteggiare l’emergenza, non vi è una grande disponibilità progettuale. In alcune parti abbiamo dovuto quindi ridimensionare il documento proprio in relazione al fatto che alcuni servizi, per esempio il dopo scuola, sono ancora in forse” ha concluso il sindaco speranzoso che, nel prossimo bilancio di previsione, si possa avere una progettualità maggiore anche sulle opere del triennale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco