Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 277.739.187
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 20 dicembre 2020 alle 15:09

Suello: 89enne rinvenuta senza vita a casa. Per cause accidentali avrebbe preso fuoco



Morte avvolta nel mistero a Suello, dove una donna è stata ritrovata esanime all’interno del suo appartamento. Le cause di questa macabra tragedia, però, sono ancora sconosciute. Da quanto sarebbe emerso fino a ora, Liberata Stefanoni, una donna di 88 anni che viveva in un appartamento affacciato su via Provinciale - poco lontano dal benzinaio che si trova sulla SP639 - nella giornata di ieri, sabato 19 dicembre, aveva ricevuto la figlia che era rimasta a farle compagnia per il pranzo e le pulizie della casa. Poco dopo averla lasciata, nel primo pomeriggio, sarebbe tuttavia accaduto l’impensabile. La donna è infatti stata trovata in cucina, seduta sulla sedia e al tavolo: intorno a lei, non ci sarebbero elementi che permettano di ricostruire quanto successo, anche se l’ipotesi sarebbe quella di un fatto accidentale. Per cause ancora da individuare, la donna avrebbe preso fuoco e, con lei, la sedia sulla quale era seduta e una piccola porzione di tavolo. La cognata, che abita al piano inferiore, non avrebbe tuttavia sentito nulla.
Sarebbe stata esclusa anche la pista di una presenza esterna: a prima vista, l’appartamento è apparso intatto e senza segni di effrazione. Inoltre, al collo della donna sarebbe stata ritrovata la catena che indossava abitualmente. “Da parte nostra speriamo che abbia avuto un malore, altrimenti non si capisce come sia bruciata, tenendo conto che uno, appena sente il fuoco, come primo gesto istintivo, cerca di allontanarsi e scappare” ha commentato il sindaco Giacomo Valsecchi, che ha un legame di parentela con la donna. “L’unico dubbio, che la scientifica non è ancora riuscita a chiarire, è come possa aver toccato il fuoco: il gas era spento e lei non aveva una coperta elettrica”. Al momento, ai fini di indagare l’accaduto, sono stati apposti i sigilli all’appartamento che al momento è sotto sequestro. Non ci sarà l’autopsia sulla donna e dunque occorrerà capire se emergeranno dettagli ulteriori dalle indagini. La salma intanto è stata liberata oggi e ora è stata allestita la camera ardente. I funerali di Liberata si terranno martedì mattina alle 10 nella chiesa parrocchiale.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco