Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.301.379
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 08 gennaio 2021 alle 20:52

Cesana: alunno della primaria segnala un errore alla casa editrice che lo correggerà

"Ops, qualcosa non mi torna. Plutone ha quel caratteristico cuore, ma qui c'è scritto Mercurio". Dev'essere andata più o meno così nella mente di Davide, alunno al quinto anno della scuola primaria Segantini di Cesana Brianza che si è accorto di un errore sul libro di testo di scienze e tecnologia sul quale stava studiando. Fin qui, nulla di particolare: chissà quanti bambini si confrontano con perplessità sulle immagini che si trovano davanti agli occhi o su alcune espressioni che sentono pronunciare. Nella maggior parte dei casi si accontentano di fugare il dubbio cercando il parere di un adulto. Davide, invece, è andato oltre: ha scritto direttamente alla casa editrice del volume, segnalando quella che lui ha definito una "svista".

La scuola primaria di Cesana Brianza

"Nei giorni delle vacanze di Natale, la nostra insegnante ci ha assegnato il compito di svolgere una ricerca sui pianeti: a me è capitato Plutone e ho portato avanti l'approfondimento" ci ha raccontato timidamente. "Nei giorni scorsi, però, mentre ripassavo gli argomenti sul libro di testo, mi sono accorto che, nell'immagine che raffigurava il pianeta solare, accanto al Sole era rappresentato Mercurio, ma la figura non corrispondeva". Se la didascalia era corretta, altrettanto non era per la figura, che rappresentava invece il pianeta nano. "Non l'ho riconosciuto dalla forma, piuttosto da una caratteristica di Plutone, ovvero quella sorta di cuore". Il riferimento è chiaramente alla Tombaugh Regio, un bacino levigato che contiene la maggior parte dell'azoto presente su questo pianeta. Oltre alla forma, anche il funzionamento viene paragonato a quello di un battito cardiaco.
Davide ha voluto andare fino in fondo, scrivendo direttamente alla casa editrice del testo. "Figurati se rispondono" aveva pensato la mamma che invece, con grande stupore, si è dovuta ricredere. "Abbiamo deciso di provare e abbiamo cercato il contatto della casa editrice". Con la riapertura degli uffici dopo le festività natalizie, invece, ecco arrivare la mail di riposta con i ringraziamenti e la promessa di apportare la correzione. "Costruire libri per la scuola è un'operazione lunga e complessa che coinvolge molte persone e a volte qualcosa può sfuggire, anche se noi cerchiamo sempre di controllare e ricontrollare tutto con cura. Lettori attenti come te sono per noi preziosi, perché ci aiutano a migliorarci sempre. Ci dispiace del disguido, che correggeremo alla prossima ristampa". La mail si chiude con un pensiero per Davide e il suo spirito critico di approccio al testo. "A te, di nuovo, un grazie e complimenti: dimostri che non ti limiti a leggere passivamente, ma metti attenzione in quello che fai ed è questo spirito critico che ti aiuterà nello studio e nella vita, facendo di te un bravo cittadino".
Come ha anticipato la mamma, trepidante di ricevere una risposta, Davide ha esultato quando, pochi giorni fa, è arrivata la mail: "Ero felice - ha detto il giovane alunno - Non sapevo se ero io che mi ero sbagliato, invece avevo fatto una segnalazione giusta. Sono felice di avere scritto perché in questo modo i prossimi studenti potranno studiare guardando le figure corrette".
Ci ha rivelato che storia è la sua materia preferita in quanto lo affascinano le civiltà che a scuola stanno approfondendo in queste settimane e che da grande vorrebbe fare l'astronauta.
Davide è stato un bambino brillante: chissà che possa essere emulato. Un esempio senz'altro positivo che può diventare uno stimolo per la crescita culturale di tanti altri futuri cittadini come lui, vigili e attenti.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco