Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 257.090.843
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 13 gennaio 2021 alle 12:09

Besana: festa tra minorenni in barba alle restrizioni, sul posto arrivano i Carabinieri

Nella notte tra sabato 9 e domenica 10 gennaio, attorno alla mezzanotte, i Carabinieri della Stazione di Besana in Brianza sono intervenuti in un appartamento della frazione di Villa Raverio, dal quale i vicini di casa hanno segnalato di udire dell’inconsueta musica ad alto volume ed un copioso vociare. Giunti sul posto, i militari dell’Arma hanno trovato la porta di casa aperta e al suo interno un nutrito gruppo di adolescenti di età compresa tra i quattordici e i diciotto anni, ben vestiti in abito da sera, intenti a festeggiare in grande stile il diciassettesimo compleanno di una di loro.


A nulla è valso l’immediato fuggi-fuggi generale, che ha portato i giovani a tentare di nascondersi nei più disparati luoghi dell’abitazione come l'interno di armadi e sotto i letti. I diciassette giovani, tutti della zona, sono stati identificati e sanzionati amministrativamente per violazione delle c.d. norme anti-Covid (art. 1 co. 10 let. b) d.p.c.m. del 3 dic 2020 ex art. 4 d.l. n.19/2020 e art. 2 d.l. 33/2020).


I proprietari di casa, nonchè genitori della festeggiata - assenti al momento dell’arrivo dei Carabinieri - hanno riferito che pensavano che la serata sarebbe stata una semplice pizzata tra quattro amiche, e di essersi dunque sentiti tranquilli nel lasciare la casa alla figlia.
Presente in casa ma ignara di tutto l’anziana nonna che, nonostante la confusione, era a letto a riposare in uno dei tre appartamenti dell'abitazione. All'arrivo dei carabinieri, i ragazzi erano sparsi in tutta la casa.
Nei giorni successivi, convocati in caserma per le formalità di rito, tutti i genitori dei minorenni hanno riferito che non sapevano che i figli si stavano recando alla festa, avendo comunque ricevuto rassicurazioni di varia natura. Comune in tutti il senso di tradimento della fiducia genitore-figlio.
V.D.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco