Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 277.218.483
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 18 gennaio 2021 alle 15:21

Lupo nel Parco del Curone, Coldiretti: ''una minaccia per le pecore a rischio estinzione''

Fortunato Trezzi di Coldiretti
''Sono i fatti a dimostrare che la presenza del lupo costituisce un pericolo: i reiterati attacchi in Alta Brianza mettono, anzi, in pericolo anche le pecore della Razza Brianzola, che nei decenni passati rischiava di scomparire e ancor oggi è annoverata tra quelle la cui tutela è affidata al lavoro degli allevatori che, con fatica e lavoro, ne stanno preservando il futuro. Non vogliamo indennizzi, né chiediamo interventi cruenti: si salvino il lupo così come i nostri animali, ma il territorio va messo in sicurezza con il suo intero ambiente rurale. Chi è deputato ad agire, deve farlo in fretta''. Lo afferma Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como Lecco, a commento dei recenti attacchi subiti dalle pecore nella zona di Missaglia.
Nell'ultimo periodo, gli avvistamenti dei lupi sul nostro territorio si sono moltiplicati, in pianura come sulle Alpi. ''Gli agricoltori sono preoccupati, per questo chiediamo alle istituzioni di trovare, con urgenza, le soluzioni più appropriate. Da parte nostra siamo disponibili a ogni forma di collaborazione per garantire la sicurezza del territorio, di chi vi abita e di quanti vi lavorano: tra loro ci sono i pastori e i loro animali, che hanno diritto a essere tutelati. E' necessaria un'attenzione che permetta agli allevatori di svolgere il proprio lavoro, attraverso cui mantengono e conservano i pascoli e i paesaggi che dall'Alta Brianza si spingono fino alle alture comasche e lecchesi: si tratta di un ecosistema delicato, dove la vita e l'equilibrio idrogeologico della montagna sono garantiti dagli agricoltori che la presidiano, la mantengono viva e fruibile''.
Non va poi dimenticato che la Brianza ''è una zona densamente urbanizzata e che la diffusione di questo predatore sul territorio può essere pericolosa anche per quanti ci vivono o lo visitano. Ci sono tanti giovani pastori che scelgono una vita dura e, con il loro lavoro, svolgono un'importante funzione sociale e a tutela del territorio: è un impegno che va riconosciuto con la salvaguardia del loro lavoro e del loro futuro''.
Il mondo agricolo, per sua storia e vocazione, vive in simbiosi nel territorio dove lavora. ''Ciò è possibile quando l'equilibrio viene mantenuto, ma quando è il caos a prendere il sopravvento - come nel caso dell'invasione dei cinghiali - è la natura stessa a pagarne le conseguenze, con il sovvertimento degli ecosistemi''.
La pecora brianzola, in particolare, è una delle 14 razze minacciate di estinzione in Lombardia: 6 di questi sono di bovini, 3 di ovini e 5 di caprini. Un patrimonio composto da veri e propri "tesori" di natura e storia: tra le pecore si contano anche quella di Corteno, diffusa nella Comunità Montana di Valle Camonica, la Ciuta, che per un periodo si è creduta estinta, oltre alla nostra "Brianzola".
Tra le capre a rischio scomparsa in Lombardia ci sono invece la Orobica dalle corna imponenti, la capra Frontalasca che prende il nome dal paese dell'alta Valtellina di cui è originaria, la Bionda dell'Adamello e la capra di Livo presente in provincia di Como, nell'Alto Lario occidentale.
''Gli animali custoditi negli allevamenti lariani - conclude Trezzi - vanno tutelati e protetti: a rischio non c'è solo la biodiversità, ma anche il presidio di un territorio dove la manutenzione è garantita proprio dall'attività di allevamento, con il lavoro silenzioso di pulizia e di compattamento dei suoli svolto dagli animali. Quando una stalla chiude, infatti, si perde un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di prodotti tipici e soprattutto di persone impegnate a preservare il territorio''.
Articoli correlati:
13.01.2021 - Parco del Curone: incontro in Regione con 23 soggetti. Misure contro attacchi del lupo
31.12.2020 - Parco Curone: in Valle Santa Croce un lupo sbrana 13 pecore. Altri due episodi di minore entità nei mesi passati
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco