Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.641.930
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 25 gennaio 2021 alle 08:27

DAD: le opinioni raccolte all'istituto Fumagalli. ''Ecco quello che ci manca''

Lezioni a casa o in classe? Abbiamo raccolto qualche opinione anche all'istituto professionale Graziella Fumagalli di Casatenovo, in particolare fra i ragazzi di classe seconda dell'indirizzo alberghiero. Per loro l'attività laboratoriale non si è mai interrotta anche se, fra l'obbligo di tenere la mascherina e il resto della didattica - o meglio la gran parte - svolta dallo schermo di un pc, le difficoltà non mancano:

Siamo sempre collegati e, di fatto, non abbiamo più un vero orario scolastico. Posso ricevere o mandare una mail in qualsiasi momento, anche alle undici di sera. Ormai non c'è più un orario definito. Stare tante ore davanti al computer poi non è il massimo a livello sociale e psicologico. Rispetto ad un anno fa, però, so usare le nuove tecnologie in maniera più funzionale.
Per il Fumagalli, ad oggi, uno sciopero o una manifestazione su questo tema sarebbe impensabile: non credo che si sarebbe lo spazio per organizzare il tutto in maniera sicura.

Miriam Fumagalli

Non riesco concentrarmi molto a casa e mi sento più stanco ora rispetto a quando frequentavo in presenza. Spero che finisca al più presto questa situazione. Non dico di tornare subito al 100% in presenza, ma almeno iniziare una didattica mista. Mi manca stare con i compagni e avere un rapporto diretto con i prof.
Ad ogni modo, in queste settimane siamo andati a scuola per i laboratori: in cucina con le mascherine si soffoca, mentre in sala non ci sono particolare disagi.
Non ho paura di tornare a scuola, anche se non sempre è facile rispettare il metro di distanza, soprattutto in classe.
Tutti i miei amici però, rispettano le regole anche fuori e perciò mi sento piuttosto sicuro.

Riccardo Crippa

Durante il primo lockdown gli insegnanti non davano così tanti compiti. Ora siamo tutti un po' rassegnati e ci siamo abituati a questa modalità di didattica: dopo tutti questi mesi è diventato davvero pesante riuscire a seguire in modo proficuo. Lo scorso anno, a livello scolastico, abbiamo perso molto; mentre in questi mesi abbiamo mantenuto un buon ritmo.
In generale, se devo essere onesta, non sto vivendo questi mesi in maniera così serena; lo scorso anno riuscivo ad essere più tranquilla

Eleonora Ricotti

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco