Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.304.407
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 27 gennaio 2021 alle 08:40

Bosisio Viva: manutenzioni scarse e con tempi dilatati. Attacco all’amministrazione

Pensiline danneggiate, staccionata al lago lesionata, tettoia del cimitero in policarbonato rotta e muro di cinta del cimitero lesionato. É ampio l’elenco che Bosisio Viva ha realizzato delle manutenzioni carenti imputate alla mancanza di reattività dell’attuale amministrazione. “Siamo fermi alle manutenzioni e pure fatte male. Non vedo nulla di nuovo” ha attaccato il capogruppo di Bosisio Viva, Giacomo Gilardi. “Abbiamo fatto diverse segnalazioni a voce in comune ma alla fine abbiamo dovuto inviare una segnalazione scritta al comune. Si tratta di semplici segnalazioni sulla normale manutenzione del paese ma il fatto che, per alcune di queste, ci abbiamo impiegato sette mesi per la sistemazione, dice già tutto”.


Tra i lavori di sistemazione portati a termine dall’amministrazione la scorsa settimana ci sono la staccionata a lago e le pensiline: in quest’ultimo caso, la struttura danneggiata si trovava in via don Luigi Monza. Con il recente intervento del comune, sono state invece rinnovate tutte le pensiline delle fermate dell’autobus.
“Le pensiline si sono rotte con la grandine di giugno così come la tettoia del cimitero. Sono interventi minimi che non richiedono grandi variazioni di bilancio, eppure non riesco a spiegarmi questo tempo enorme: c’è evidentemente un problema strutturale” ha incalzato.




Giacomo non ha indicato soltanto questi interventi, ma ne ha ricordati altri effettuati recentemente dall’amministrazione. “Ci hanno messo sette mesi con la pavimentazione in via Parini e ora ci sono già i primi problemi: le asfaltature non vengono fatte nel periodo freddo dell’anno. Abbiamo le strade piene di buche, ma, nonostante i finanziamenti, non sono ancora riusciti a farli. A questo aggiungiamo gli spogliatoi della palestra: il cantiere è stato aperto a giugno ma non è ancora stato chiuso”. Il capogruppo di opposizione non legge questi ritardi come se siano causati dall’emergenza: “Il Covid non basta: a me sembra che negli altri paesi stiano facendo opere pubbliche, anche con soldi di finanziamento ottenuti. Qui invece, i lavori, anche minimi, si dilungano a dismisura. Spero si capisca dove sono i problemi”.




Sulla questione è intervenuta anche la collega Marta Brambilla: “Non è questa la prima volta che segnaliamo la necessità di intervenire con attività di manutenzione e pulizia (esempi: parco di Garbagnate, illuminazione via Brianza, platani del Precampell). Come consiglieri di minoranza cerchiamo di essere attenti a queste necessità e raccogliamo anche le segnalazioni dei cittadini come in questo caso”. La consigliera, ricordando i lavori già effettuati, ha chiesto un intervento immediato sia per ripristinare il decoro urbano sia per garantire l’incolumità dei cittadini che frequentano i luoghi: “Ci rammarichiamo nel constatare che le situazioni segnalate si trascinano ormai da parecchi mesi. Un esempio su tutti la pensilina di via don luigi Monza, lesionata dalla grandinata di inizio giugno 2020 e sistemata solo pochi giorni fa quindi ben 7 mesi dopo. Stesso discorso per la staccionata rotta da tempo e sistemata in questi giorni. Ci auguriamo che si intervenga al più presto per sistemare anche la tettoia e il muro del cimitero soprattutto per salvaguardare la sicurezza dei cittadini”.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco