Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 310.347.351
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 28 gennaio 2021 alle 18:44

Casatenovo: nell'anno segnato dal Covid aumenta l'attività sociale a cura della Croce Rossa

La conferma è di qualche giorno fa: sarà la Croce Rossa di Casatenovo a fornire l'autista alla guardia medica di stanza presso Villa Rosa, in località Monteregio. Una bella soddisfazione per il comitato presieduto da Eros Bonfanti che tutti i giorni dalle ore 20 alle 8 del mattino seguente, fine settimana e festivi compresi, assicurerà l'importante servizio, consentendo così al professionista di ''guardia'' appunto, di muoversi con un adeguato accompagnamento sul territorio.

Alcune immagini dei volontari impegnati sul territorio in questi ultimi mesi

E questa è solo una delle novità dell'associazione con sede a Barzanò, che proprio in questi giorni ha potuto tracciare un bilancio dell'attività svolta nel 2020. Un anno senza dubbio difficile ed impegnativo per i circa 220 volontari (ai quali si aggiungono i dipendenti) della CRI, coinciso con la comparsa del Covid, che oltre ad aver rivoluzionato l'esistenza di tutti noi, ha anche scombussolato la quotidianità dei soccorritori, da tempo ormai punto di riferimento per il territorio casatese.

215.142 i chilometri percorsi nel 2020 dai mezzi della ''nostra'' Croce Rossa, in lieve aumento rispetto all'anno precedente, così come i servizi complessivamente effettuati (6171). Un incremento a questo proposito si è registrato per quel che concerne le missioni di 118 svolte secondo la convenzione in essere con Areu, ma anche per trasferimenti e dimissioni. In lieve calo invece gli accompagnamenti per dialisi e visite, così come per i ricoveri; fenomeno che appare diretta conseguenza del Coronavirus e del picco di attività ospedaliera registrata fra i mesi di marzo e maggio, quando erano garantite all'utenza soltanto le prestazioni ambulatoriali non differibili.

Se un comprensibilissimo calo ha coinvolto anche l'assistenza agli eventi sportivi (pressochè azzerati) e le missioni di protezione civile, a conoscere un notevole exploit sono stati invece gli interventi socio-sanitari, passati in un anno da 356 a 470. Un incremento favorito ancora una volta dalle difficoltà che la pandemia in corso ha presentato a molti utenti, che si sono rivolti a Croce Rossa per un supporto nella consegna dei farmaci e della spesa.

Sono state 54 infatti, le famiglie che hanno beneficiato di questo aiuto, mentre presso alcuni supermercati del territorio è stata attivata un'altra iniziativa: la spesa sospesa. Un carrello vuoto posizionato all'uscita delle strutture commerciali che resta a disposizione di coloro che desiderano aiutare il prossimo, lasciando generi alimentari non deperibili.

Il presidente Eros Bonfanti

''Fortunatamente per noi e per chi ne ha bisogno si riempiono spesso'' il commento del presidente Bonfanti che ha voluto esprimere un plauso ai suoi volontari. ''La pandemia, nonostante l'iniziale momento di smarrimento, ci ha fornito buoni spunti e tutti in associazione hanno risposto molto bene. Il Covid ha risvegliato un senso di unità del territorio'' ha proseguito il numero uno di Croce Rossa Casatenovo, ricordando che il corso di formazione che si è appena concluso ha consentito di ''arruolare'' una ventina di nuovi volontari che saranno impiegati nei servizi garantiti quotidianamente dal comitato con sede a Barzanò, che può disporre di cinque ambulanze e di altrettanti mezzi per gli altri servizi.
Senza contare la possibilità per quattro giovani, di vivere l'esperienza del servizio civile in CRI; a questo proposito c'è tempo sino a metà febbraio per presentare la propria candidatura.

A chiudere in bellezza il 2020 anche il dono di due defibrillatori semi automatici da parte di due famiglie del territorio; nel primo caso quale ringraziamento al lavoro dei volontari che hanno consentito con il loro intervento di tenere in vita un uomo colto da arresto cardiaco. Il secondo strumento invece è stato donato alla CRI dai familiari di una persona scomparsa due anni fa; nel suo ricordo i suoi genitori hanno voluto compiere un gesto di generosità a favore del territorio.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco