Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 310.353.537
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 30 gennaio 2021 alle 12:20

Barzanò: tentano una truffa spacciandosi per i volontari di Mano Amica

Il labaro di Mano Amica
Tentativi di truffa sfruttando il nome di Mano Amica, l'associazione di volontariato che opera a Barzanò, dove si occupa principalmente del servizio di trasporto di anziani e disabili verso le strutture ospedaliere e scolastiche del territorio.
E' stato il presidente del sodalizio, Sandro Magni, a mettere in guardia i cittadini raccontando un doppio episodio verificatosi in questi ultimi giorni in paese.
''Due famiglie residenti entrambe in Via Matteotti hanno ricevuto una telefonata da parte di falsi incaricati che chiedevano loro di preparare una busta con un'offerta da destinare alla nostra associazione'' ci ha raccontato Magni. ''Fortunatamente il tentativo di truffa non è andato a buon fine. In uno dei due casi fra l'altro, a rispondere è stata la sorella di un nostro volontario che ci ha subito avvisati. Abbiamo così provveduto ad allertare tutti i nostri soci e grazie anche al sindaco Giancarlo Aldeghi, la comunicazione è stata diffusa tramite i gruppi whatsapp di controllo del vicinato. In questo modo siamo riusciti a raccomandare a tutti di prestare la massima attenzione. Non ci risulta al momento che ci siano stati altri episodi nei quali è stato sfruttato il nostro nome'' ha concluso Magni, riferendo di un'altra tentata truffa ai danni di una volontaria dell'associazione da parte di falsi incaricati di una onlus peraltro inesistente. Il presidente di Mano Amica ha poi ribadito che nessuna somma di denaro è giunta nelle casse del sodalizio, che non effettua raccolta di offerte porta a porta.
Si tratta dell'ennesimo tentativo di raggirare la popolazione facendo leva sulle necessità del prossimo, in un periodo già difficile da tutti i punti di vista, stante la pandemia da Coronavirus e i suoi importanti effetti sul tessuto economico e sociale.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco