Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 310.348.682
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 09 febbraio 2021 alle 08:31

Barzanò: 10 anni di Sportello del cittadino nel bilancio tracciato dai volontari Antonia e Valentino

Controllo del Vicinato, ma soprattutto tante piccole criticità segnalate quotidianamente dai barzanesi che in dieci anni sono riusciti a conoscere e ad apprezzare lo Sportello del Cittadino. Un servizio offerto per la prima volta nel 2011, all'insediamento della prima amministrazione guidata dall'attuale sindaco Giancarlo Aldeghi e confermato cinque anni più tardi, con il rinnovo della medesima squadra di governo.

Antonia Beretta e Valentino Crippa all'apertura del servizio nel 2011 con il sindaco Giancarlo Aldeghi

A gestire lo sportello, la cui sede è stata ricavata in un locale al piano terra del municipio, i volontari Antonia Beretta e Valentino Crippa che in questi due lustri sono stati capaci di trasformarsi in vero e proprio punto di riferimento per la popolazione, consapevoli di dover fare da tramite fra i cittadini e l'amministrazione, nel tentativo di risolvere le problematiche segnalate.
Un'esperienza importante che sta per giungere al termine in concomitanza appunto con la scadenza del secondo mandato elettorale del sindaco Aldeghi. Proprio per questa ragione i due volontari insieme all'amministrazione hanno voluto tracciare - attraverso uno scritto - il bilancio di dieci anni al servizio dei barzanesi:
I volontari Valentino e Antonia
Sembra ieri ma sono passati 10 anni da quando, con l’insediamento di Giancarlo Aldeghi nel 2011, è stato inaugurato ''Lo Sportello del Cittadino''.
Servizio ideato e voluto dallo stesso Sindaco, con non poche critiche da parte dell’opposizione  di Lega e Forza Italia, per avvicinare i cittadini alla vita amministrativa, sia per ricevere le segnalazioni di criticità riscontrate sul territorio, sia per dare un aiuto concreto ai cittadini nel risolvere i problemi della vita quotidiana.
I volontari, o meglio commissari esterni a partecipazione gratuita, così come sono stati denominati in altri comuni che hanno copiato l’iniziativa, sono stati nominati con delibera di Giunta  e individuati nelle persone di Valentino Crippa e Antonia Beretta.
Valentino, in quanto persona molto conosciuta sul territorio e con forte esperienza della vita amministrativa, già assessore presso il Comune di Cassago,  consigliere comunale e provinciale e attuale Presidente del Centro di Promozione Sociale (ex associazione dei Pensionati), Antonia, per la professione svolta, sviluppo e apertura di punti vendita in franchising in tutta Italia, era abituata a scontrarsi quotidianamente con  problemi burocratici non indifferenti.
Il primo step che Antonia e Valentino si sono trovati ad affrontare è stato l’organizzazione del servizio. Non c’era un modello da seguire; “quando digitavamo su google sportello del cittadino, dai risultati non usciva nulla. Ma non ci siamo dati per vinti e abbiamo iniziato il lungo cammino”.
Un indirizzo di posta elettronica cittadino@comune.barzano.lc.it, un numero di cellulare che poi è stato abbandonato in quanto mai usato  e un ufficio presso il Comune, identificato nell’ex protocollo dove accogliere i cittadini tutti i lunedi non festivi dalle 17 alle 18.30 ma anche oltre, o il sabato mattina per qualche necessità.
Antonia e Valentino si sono divisi le mansioni ma hanno sempre condiviso le risposte da dare ai cittadini, non prima di essersi confrontati con l’amministrazione e gli uffici comunali. Valentino  sul territorio a documentare con fotografie e parlare con la gente,  Antonia ad occuparsi delle cose più burocratiche usando i moderni sistemi di comunicazioni. In 10 anni sono state ricevute 2046 mail di cui 18 a mezzo APP Municipium mentre 240 barzanesi  hanno preferito l’accesso allo sportello.
Le segnalazioni più gettonate sono state le buche nell’asfalto, gli allagamenti stradali, le siepi e gli alberi che invadevano la careggiata, parchetti sporchi soprattutto nel week end , lampioni spenti, disturbo della quiete, deiezioni canine; poi con l’avvento di Facebook molte di queste venivano scritte nei gruppi dove il Sindaco dava prontamente delle risposte. In piena pandemia Covid, la mail dello sportello del cittadino, così come quella del Sindaco, è stata un punto di riferimento per richieste di aiuto per consegna della spesa e dei farmaci, per le modalità di ritiro dell’immondizia  ma questo solo quando l’ATS era in ritardo a comunicare al Sindaco i soggetti positivi, o domande sulle misure adottate nelle differenti fasce.
A  questo si aggiungono tutta una serie di servizi offerti alla cittadinanza come la compilazione delle domande per Bonus Bebè, Bonus Famiglia, Dote Sport, Dote Scuola, SPID, ricorsi per multe non dovute stradali e non, provenienti da altre amministrazioni, servizi vari sulle utenze, solo per citarne alcuni. Si potrebbe scrivere un libro e per questo nel 2018 Antonia ha raccolto in un blog,  che conta mediamente oltre 1000 lettori al mese, https://sportellodelcittadino.blogspot.com   parte di queste richieste  risolte, per essere a disposizione di altre persone.
Altro lavoro svolto dallo Sportello è stata la collaborazione con l’amministrazione per  la distribuzione dei sacchetti dell’immondizia, la gestione del sito istituzionale e delle newsletter fino al 2016, il supporto per i comunicati vari alla cittadinanza e alla Stampa e servizio molto importante l’organizzazione e la gestione del Controllo del Vicinato che ha richiesto un impegno non indifferente.
La soddisfazione personale è stata enorme, così come sono stati gratificanti i risultati, ma anche l’impegno non è stato indifferente perché dietro ad una richiesta ci poteva essere un lavoro grande da svolgere, ma il sapere di aver fatto qualcosa di utile ogni volta ci riempiva di gioia.
La cosa che più mi ha fatto tanto male, continua Antonia,  è stata quando un cittadino con tanta rabbia mi ha detto se io e Valentino non avevamo vergogna a rubare i soldi ai barzanesi perché non ci credeva che  facessimo gratuitamente tutte queste cose.
Con la scadenza del mandato amministrativo, scade anche il servizio dello Sportello del Cittadino. Sarà la nuova amministrazione a decidere se mantenerlo oppure no. Da parte di Antonia se ci sarà una collaborazione, sarà minima e questo solamente per motivi personali, da parte di Valentino ci sarà ancora piena disponibilità.
Dopo 10 anni è doveroso ringraziare alcune persone che hanno permesso il successo dello sportello.
Antonia desidera ringraziare Giuseppe Spada, per avermi coinvolto nel gruppo (ero arrivata da poco tempo ad abitare a  Barzanò  e non conoscevo nessuno), il Sindaco Giancarlo Aldeghi, che pur conoscendomi da poco mi ha affidato un compito importante, il mio compagno di viaggio Valentino, per tutti gli insegnamenti che mi ha dato in merito all’ amministrazione pubblica, mio marito Roberto ( ex-presidente della Proloco) per non essersi mai arrabbiato per aver trascurato la famiglia ma al contrario per avermi sempre sostenuta,  mio papà, ora in cielo, per avermi insegnato l’umiltà, il senso di responsabilità e la disponibilità gratuita verso gli altri e tutti i cittadini che si sono rivolti a noi, chiedendo scusa a quelli a cui, non per nostra volontà, non abbiamo potuto dare le risposte che si aspettavano.
Per Valentino, la maggior soddisfazione è quella di aver contribuito insieme ad Antonia a rendere coscienti i cittadini, che i veri protagonisti della soluzione dei piccoli problemi del  paese sono i cittadini stessi.
In che modo? Con un modo il nostro di rapportarci a loro sincero e convinto, che li gratificava, che li faceva sentire partecipi della vita amministrativa e che li spronava a continuare. Quando ci segnalavano un problema che veniva risolto, a volte ci dicevano Grazie. Noi rispondevamo che il Grazie più grande andava a loro, perché se il problema veniva risolto, era grazie alla loro segnalazione, e quindi grazie a loro se il paese era migliore di prima.
Questo è un metodo che porta a dei risultati gratificanti soprattutto se il tempo che investi e quello che fai, lo fai con passione e anche competenza. Esperienza e competenza aiutano a saper distinguere se un problema segnalato può essere risolto subito o se comporta un impegno maggiore.
Io mi considero veramente soddisfatto di aver lavorato in questi 10 anni con Antonia, una persona competente, preparata, meticolosa, che non ha mai lasciato niente al caso.
Per fare solo un esempio, se la bellissima realtà del Controllo di Vicinato voluta dall’Amministrazione Comunale che opera in modo molto attivo ed è presente sull’intero territorio è grazie ai tanti volontari e in primis ai Coordinatori, ma soprattutto ad  Antonia che ha dedicato a questo progetto tutta la sua passione.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco