Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.697.591
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 22 febbraio 2021 alle 08:10

Casatenovo: segnalati altri bocconi sospetti a Campofiorenzo

Una delle polpette rinvenute a Campofiorenzo
A seguito delle segnalazioni e dei ritrovamenti dei bocconi avvelenati per cani a Rogoredo di Casatenovo lo scorso fine settimana, un nuovo allarme giunge questa volta da Campofiorenzo.
Durante la giornata di sabato e di venerdì infatti, sono state ritrovate delle specie di polpettine ricoperte di presunto veleno nel parchetto davanti alla chiesa della frazione casatese, le prime delle quali segnalate proprio dalla veterinaria del luogo, Antonella Bevilacqua.
La dottoressa si trovava con il proprio cane nel parchetto e dopo aver notato che il proprio amico a quattro zampe grattava in cerca di qualcosa sotto le foglie, si è subito accorta della presenza di questi bocconi ed è riuscita ad evitargli un'intossicazione o addirittura qualcosa di peggiore.
La veterinaria ha poi deciso di portare queste polpettine ad ATS per sottoporle ad analisi più dettagliate e per accertarsi se si tratti di veleno per topi o di altre sostanze nocive. Chiaramente di un colpo di fortuna, poiché l'occhio di un padrone meno attento o meno allenato non sarebbe magari stato in grado di accorgersi del rischio presente, il che rende ancora più condannabile l'atto di chi ha sparso questi bocconcini in un luogo pubblico e quotidianamente frequentato da cani.
Un altro elemento di pericolosità costituito dalla presenza di queste "esche" emerge poi dalla presenza dei bambini che nei parchetti giochi di Campofiorenzo sono soliti giocare e correre e che potrebbero quindi facilmente incappare in questa sostanza velenosa.
Ulteriori bocconi sospetti erano stati avvistati nei giorni scorsi in località Sant'Anna, non lontano dall'azienda Vismara, ancora una volta a Campofiorenzo.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco