Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 263.691.044
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 22 febbraio 2021 alle 18:24

Missaglia: CAI in lutto per la scomparsa di Lella, la vedova di Giacomo Scaccabarozzi

Graziella Barbetta
Il CAI di Missaglia si è stretto in un abbraccio virtuale alla famiglia Scaccabarozzi, provata in queste ore dalla scomparsa di Graziella (per tutti Lella) Barbetta, moglie dell'indimenticato Giacomo che - residente in paese e vero appassionato di montagna - era tragicamente mancato nel 1998 a seguito di un incidente con il parapendio.
Una figura molto vicina ai soci CAI - già componenti del GSA (Gruppo Sportivo Alpini) - che si è spenta a seguito di una malattia tanto veloce quanto implacabile.
Graziella aveva infatti scoperto di essere affetta da un male incurabile da poco tempo; ricoverata all'ospedale Niguarda di Milano si è purtroppo spenta nel fine settimana, lasciando attonite due comunità. Quella di Missaglia, dove aveva risieduto con la famiglia, e quella di Abbadia Lariana dove si era trasferita insieme alla figlia Francesca a seguito della morte del marito.
Una vita spezzata da un drammatico incidente la sua; aveva solo 47 anni, quando fu strappato all'affetto della moglie e della figlia di pochi mesi. Nato a Missaglia nel 1951, fin da giovane Giacomo Scaccabarozzi sviluppò la passione per la montagna, avvicinandosi in particolare alle pratiche del trekking, dell'alpinismo e dello scialpinismo. Fin dal 1988, si impegnò attivamente nel GSA, di cui fu presidente e trascinatore. Negli anni Novanta l'alpinista si dedicò alla scalata di alcune tra le più alte vette del mondo: partecipò infatti ad alcune spedizioni sulle Ande, sull'Himalaya e in Alaska. La grande impresa risale invece al 1997, quando raggiunse la cima del Cho-Oyu (8021 metri), dopo averne scalato in solitaria la cresta nord-ovest.
Dal CAI (ex GSA) non possono quindi che ricordare con affetto la figura di Graziella. Quando una volta l'anno, d'estate, si saliva su per il Grignone, nei giorni vicini alla ricorrenza della tragica morte di Giacomo, la moglie partecipava sempre.

La famiglia Scaccabarozzi (Lella e la figlia Francesca) durante una delle iniziative in ricordo di Giacomo

C'era anche in occasione del 20esimo anniversario della scomparsa, nell'agosto 2018, quando si era celebrata una messa al Pialeral, nell'area dell'ex rifugio Tedeschi.
I funerali della 58enne, impiegata in uno studio professionale - che oltre alla figlia lascia la mamma, la sorella e i nipoti - si terranno martedì pomeriggio alle ore 14 nella chiesa di Abbadia, dove questa sera alle 20.30 si celebrerà il rosario.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco